Brevi Cronaca Primo Piano

Foto hard, uomo ricatta la nipote 16enne

Se non posti le tue foto nuda, ti rovino». Un ricatto hard fatto ad una 16enne salernitana vittima della tecnologia informatica la quale, dopo essere stata contattata da ignoti che attraverso la creazione di falsi profili, si fingevano parenti e amici, è caduta nella trappola della rete. Dal suo profilo facebook sarebbe stata rubata una foto poi ritoccata e ripubblicata, a sua insaputa, sulla sua bacheca in modo che tutti potessero vederla. Nell’immagine artefatta, la 16enne era a seno scoperto e chi ha pubblicato quella foto era in possesso di tutti gli account della minore, vittima di un vero e proprio furto di identità. Immediata la denuncia sporta dai genitori della ragazza: la procura ha aperto un’inchiesta che, affidata al sostituto procuratore Roberto Penna, e attraverso sofisticate indagini informatiche, ha fatto finire a processo lo zio dell’adolescente.

A.V. 57 anni, assistito dagli avvocati Pasquale Formisano e Andrea Oliva, è accusato di tentata estorsione e pornografia minorile; il processo, davanti ai giudici della terza sezione penale del tribunale di Salerno, si è aperto con la deposizione dei genitori della ragazza che, davanti ai giudici, hanno ripercorso la vicenda affermando, entrambi, che l’imputato non è un esperto di tecnologia e non sarebbe quindi mai potuto essere in grado di entrare nel profilo facebook della nipote e rubarne i dati. 

Articoli correlati

Sanremo 2016 – la classifica della prima serata

Redazione

Giovani Indipendenti con l’ “Albero delle Proposte”. Il presidente: “Più partecipazione dei giovani”

Redazione

Caso Soget: il procedimento è viziato, il Comune pronto a sospendere il servizio.

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy