Primo Piano

Fiume Sarno – Le acque tornano torbide. La denuncia. Lo scempio

A poche ore dall’avvio della Fase 2 dell’emergenza Covid19, le acque del fiume Sarno, cristalline negli ultimi 50 giorni in cui vi è stato il lockdown, si tingono di nero. E’ accaduto a Sarno, dove da via Roma e verso la linea ferroviaria soprelevata delle Ferrovie dello Stato, le acque sono diventate torbide emanando cattivo odore.

Tante le denunce anche via social con foto nelle quali appare evidente la devastazione del Sarno, lungo appena 24 chilometri, determinata dagli scarichi industriali .

Lo stop forzato di diverse aziende ed industrie  nella Fase1 aveva consegnato una visione del tutto nuova del fiume tanto da far ben sperare le comunità attraversate dal corso d’acqua definito il più inquinato d’Europa.

Era sembrata una vera rivincita della natura, un processo di auto disinquinamento, contro la devastazione dell’uomo. 

Le immagini di queste ore devono necessariamente portare ad una riflessione seguita da azioni che possano contrastare un fenomeno che di fatto sta distruggendo l’ambiente. 

 

 

Foto profilo facebook Peppe Hapax  

Articoli correlati

Ex Villa Malta: si tenta la cordata per salvarlo

Redazione

LIVE – Incendio discarica abusiva via Bracigliano

Redazione

41 terremoti ieri nel cratere del Vesuvio

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy