Sarno Notizie
Eventi

Fashion Show, evento di Moda e Design di Egy Cutolo

Partita dalla sua passione che è diventata lavoro.

Un progetto che prende forma è sempre un sogno che viene da lontano, ed un sogno realizzato è frutto di perseveranza, costanza lavoro, sacrifico, tenacia. E c’è quel pizzico fondamentale di piccola follia. Moda, lifestyle, cultura, nuove tendenze. Formazione ed informazione, teoria e pratica. Disegnare e realizzare. FormazioneModa e Design è un istituto che segna il percorso di visioni e forme, di innovazione, tradizione e storia. Professionisti che tracciano le linee del futuro nel settore.

Egy Cutolo è colei che ha creato questo nuovo mondo. Partita dalla sua passione che è diventata lavoro. La sua vita si è alimentata di moda e ne ha fatto baluardo di conoscenza, cultura, mondo, libertà.
Si è concluso il primo triennio di “FormazioneModa e Design” ed è tutto pronto per il “Fashion Show” sabato 23 marzo al Teatro De Lise di Sarno alle ore 19:30.


L’intervista a Egy Cutolo

Si chiude un triennio importante che ha visto la scuola grande protagonista nel panorama della moda e della formazione. Come è stato questo triennio per i docenti e per gli allievi?

Volge al termine, infatti, il primo corso triennale da quando ho inaugurato il mio progetto formativo sul territorio, anche se mi sembra invece essere passato solo poco tempo dall’inizio.
Tre anni molto intensi, sperimentali oserei dire, soprattutto per me che mi sono messa in gioco per la prima volta da imprenditrice.
Ho cominciato il mio percorso lavorativo all’interno delle realtà del settore moda dal lontano 2007 e da allora sono sempre stata una dipendente; ritrovarmi ad essere una formatrice/imprenditrice è stato per me una vera e propria sfida che ho poi via via sempre più cercato di evolvere al meglio delle mie potenzialità e che costantemente sempre cercherò di evolvere.
Oltre al rapporto tra allievo e docente, nella mia realtà ho cercato fin da subito di instaurare, non solo rapporti professionali, ma soprattutto umani e interpersonali, dove l’allievo può avvalersi di spalle solide su cui contare sia durante il percorso formativo che in quello lavorativo futuro.
Un rapporto di piena fiducia reciproca che spesso evolve in bellissimi rapporti di amicizia.
Supportare non solo professionalmente con metodi accademici all’avanguardia, ma anche e soprattutto umanamente i ragazzi, credo sia la chiave per dare loro un ambiente sereno fatto di armonia, efficienza e dedizione verso le discipline impartite.

Fashion Show è la prima sfilata. Cosa dobbiamo aspettarci tra il palco e le luci del Teatro De Lise?

Questa sarà la prima sfilata conclusiva.
Tanta è l’ansia, ma tutto sommato siamo rasserenati dal concludere le ultime cose che andranno in scena presso il bellissimo teatro Luigi De Lise.

Un evento che sarà patrocinato dal Comune di Sarno, al quale vanno i miei sinceri ringraziamenti, e che vedrà sfilare 5 capsule collections dei nostri allievi.
Avvalerci di collaborazioni con aziende del settore e con figure professionali è stato di fondamentale importanza per questo Fashion Show, come fondamentale è stata la magnifica resa dei nostri studenti che da mesi lavorano assiduamente e diligentemente alla realizzazione dei progetti in primis e alla confezione dei capi che debutteranno.
Modelli e modelle professionisti sfileranno sul palco e in platea al ritmo di scelte musicali iconiche che magistralmente ho fatto remixare per l’occasione.
Uno Show che piano piano ho cercato di costruire al meglio e che vanterà la presenza di tantissimi invitati.
Spero vada tutto bene, soprattutto per vedere la gioia negli occhi sognanti dei ragazzi che per me resteranno sempre nel cuore.

Come nasce la scuola?

L’istituto Formazione Moda e Design nasce dall’esigenza di poter fornire basi reali e solide, professionalizzanti, adatte a formare le nuove menti creative del territorio e non.

Per stimolare i ragazzi nel loro contesto e rendersi utili per il vasto tessuto produttivo, l’Istituto FMD si rende disponibile democraticamente e alla portata di tutti gli interessati, in una terra in cui c’è la grande necessità di menti nuove che rinvigoriscano sempre di più il settore moda fiorente, grazie alle reali competenze e alla grande qualità proposta.

Caratteristica principale dei corsi è soprattutto l’importanza che viene data alla parte pratica, grazie alla quale gli allievi passano in laboratori attrezzati l’80% del tempo, sviluppando manualità e metodologie all’avanguardia che li porta ad essere dei veri professionisti, stimolandone la curiosità intellettuale per migliorare non solo le competenze tecnico professionali ma anche, e soprattutto, la propria creatività.


Immagino che anche per lei questi 3 anni siano stati di arricchimento, quali sono i momenti che ricorda con particolare emozione?

Ogni giorno è per me un’emozione continua; da quando iniziano il percorso increduli, goffi e intimiditi, con i fogli bianchi dove ognuno di loro comincerà a disegnare il suo sogno, a quando poi vedo realizzato il primo cartamodello, confezionato il primo capo e quando in cartaceo o in digitale vedo concretizzare i propri progetti illustrati.
Momenti bellissimi li ho passati in compagnia di tutti i miei studenti nelle gite presso mostre, musei di moda, aziende o nei vari talk che spesso organizziamo ospitando figure del settore.
Particolare emozione ci è stata data ad agosto, quando Vogue Italia ci ha inserito tra gli istituti di Moda e Design italiani.
Per me personalmente è stato motivo di grande vanto e ne sono davvero onorata.
Dare ai ragazzi l’opportunità di interfacciarsi con figure professionali, inserite in contesti aziendali, è per me essenziale.
Mi emoziona quando un ragazzo mi dice “Grazie”, perchè so che in quel momento tra me lui/lei si è instaurato un rapporto di fiducia oppure quando i genitori mi scrivono che osservano con grande piacere i molteplici miglioramenti dei propri figli.

Quali sono i prossimi obiettivi?

Perseverare nel progetto accademico, avvalermi sempre di più della fiducia delle persone che accedono ai nostri corsi, cercare di dare sempre più qualità ai nostri iscritti per rendere al meglio gli obiettivi che i ragazzi sono intenti a perseguire e soprattutto non smettere mai di sognare e concretizzare.

Articoli correlati

Dopo 15 giorni è morto Raffaele Manna. Indagata una sarnese

Redazione

Covid: in Campania 2.842 casi su 25.327 tamponi

Redazione

In ospedale chiedono da mangiare, il vigilante buono li porta al ristorante

Redazione

Portici, atti sessuali davanti alle nipotine, arrestato 50enne

Redazione

Esplosione nel centro storico. Terrore a Sarno

Redazione

Expò Campania Alto Pregio – Tutto pronto!

Redazione