Notizie Primo Piano Attualità

Falsi poveri, nuovi retroscena scattano le revoche dei sussidi

Comune di Sarno

Sono state subito avviate le procedure per la revoca dei sussidi di cui beneficiavano, senza averne diritto, i 120 «falsi poveri» smascherati a Sarno dalla guardia di finanza di Scafati nell’ambito di un’ attività di indagine che ha consentito di far luce su una mega truffa allo Stato. Sono state proprio le fiamme gialle a trasmette agli enti erogatori i verbali di contestazione per la revoca delle agevolazioni e per l’ irrogazione delle previste sanzioni amministrative a carico di tutti i soggetti identificati. Il Comune di Sarno, in primis, che ha erogato la maggior parte dei sussidi economici non dovuti; l’ azienda consortile Agro Solidale di Pagani, competente per le pratiche istruite nell’anno 2018; infine, l’Inps, solo per il reddito di inclusione. Se soltanto per quattro dei 120 «falsi polveri» è scattata la denuncia a piede libero, perché hanno indebitamente percepito contributi oltre la soglia di quattromila euro fissata dal codice penale, per i restanti 116 soggetti scatteranno pesanti sanzioni amministrative, oltre alla revoca del sostegno. Tra loro c’ è chi ha beneficiato di contributi per ragazze madri, di canoni di locazione agevolati, della riduzione o dell’esonero dalla mensa scolastica.

Senza, ovviamente, averne diritto. Nessuno dei 120 soggetti finiti nel mirino dei finanzieri del maggiore Nunzio Napolitano aveva infatti i requisiti necessari per poter accedere a misure di sostegno e contributi sociali, ovvero possedeva redditi inferiori alle soglie previste dalla legge e dai regolamenti regionali o, comunque, si trovava in condizioni economiche disagiate. Dalle indagini condotte dalle fiamme gialle è infatti emerso che tutti avevano altri redditi e beni patrimoniali, che ovviamente avevano omesso di indicare nell’ istanza presentata all’ ente erogatore per ottenere il contributo sociale. Tra loro c’ è anche chi, nonostante fosse proprietario di più terreni agricoli, beneficiava dell’ esonero per la mensa scolastica. Paradossale il caso dei figli di due professionisti sarnesi i cui nominativi sono finiti nella black list stilata dalla guardia di finanza della compagnia di Scafati. Uno, figlio di un medico, l’ altro figlio di un avvocato. Entrambi quindi componenti di nuclei familiari con redditi, di certo, non vicini alla soglia di povertà.

LE VERIFICHE Il lavoro di verifica ha interessato gli anni compresi tra il 2014 ed il 2018. Al vaglio dei finanzieri sono finite ben 1772 posizioni, delle quali 120 sono risultate irregolari. L’ attività di indagine prosegue. Sembra che gli uomini del maggiore Napolitano avessero iniziato il lavoro investigativo, a gennaio scorso, partendo da un controllo sui beneficiari e i richiedenti del reddito di cittadinanza. Non si esclude, quindi, che l’ attività di accertamento, ancora in corso, possa riservare nuovi e più clamorosi sviluppi. Daniela Faiella

Articoli correlati

Sarno: Antonello Manuel Rega entra nel direttivo provinciale di Fratelli d’Italia 

Redazione

Ambulanti: regolari o abusivi?

Redazione

Oleg: hockey e pattini. Il sogno dall’Ucraina a Sarno

Redazione

Sarno, FilandAut: formazione e consapevolezza sull’Autismo. La prima tappa

Redazione

Tutto pronto per “La giornata del bambino”: sport e divertimento

Redazione

Dopo 15 giorni è morto Raffaele Manna. Indagata una sarnese

Redazione