Sarno Notizie
CronacaNapoli

Droga e cellulari in carcere, 30 arresti a Napoli

Mille euro per far entrare un smartphone in carcere

Telefoni e droga introdotti in carcere. E’ quanto hanno scoperto gli agenti della Polizia di Stato e della Polizia Penitenziaria che, a Napoli, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di 30 persone. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsioni, traffico di stupefacenti, detenzione di armi da fuoco e accesso indebito a dispositivi idonei alla comunicazione da parte di soggetti detenuti.

C’era un vero e proprio tariffario da parte di un “service” a disposizione della criminalità per fare entrare droga e telefonini nelle carceri, e in un caso anche un’arma. Mille euro per uno smartphone, 250euro per un telefonino tradizionale e fino a 7000 euro per mezzo chilo di stupefacente.

È quanto disvelato da una doppia inchiesta della Dda di Napoli che nella mattinata di oggi ha portato all’esecuzione di 32 misure cautelari. Gli episodi accertati dalla magistratura riguardano 19 penitenziari italiani, dal Piemonte alla Sicilia. Il rifornimento sarebbe avvenuto con l’utilizzo di droni che un tecnico avrebbe provveduto a truccare, non solo per trasportare un peso maggiore a quello consentito ma anche per bucare le flay zone , come quelle dove sono i penitenziari. E la regia dell’affare sarebbe stata della criminalità campana.

Un fiume di denaro che sarebbe circolato attraverso un sistema di triangolazione. Ma il fenomeno dell’uso di telefonini, ha sottolineato il procuratore di Napoli, Nicola Gratteri, c’è in tantissimi penitenziari italiani e potrebbe essere debellato con l’installazione di disturbatori di frequenze, il cui costo non è eccessivo. Si potrebbe iniziare, ha suggerito Gratteri, proprio dagli istituti più grandi e dove ci sono sezioni di massima sicurezza.