Sarno Notizie
Notizie Primo PianoCronacaBrevi

Donna giù dal quarto piano, migliorano le condizioni. Tanti i messaggi degli amici

Un volo dal 4° piano di decine di metri, migliora lo stato della 36enne di Sarno che ieri è arrivata all’Umberto I di Nocera Inferiore in gravi condizioni. I medici si sono, però, riservati la prognosi. La donna all’ospedale nocerino è stata sottoposta a tutti gli accertamenti del caso per scongiurare danni e lesioni agli organi interni. Riscontrate fratture multiple del bacino e del femore. Resta ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’accaduto. L’ipotesi più accreditata è che la 36enne si sia volontariamente lanciata dalla sua abitazione al 4° piano atterrando su una sporgenza del primo piano del palazzo, in via Pietro Marmino, in pieno centro cittadino. Un impatto violentissimo alle 18:30 che aveva destato gli avventori del bar al piano terra ed i passanti. Sul posto immediato l’intervento dei carabinieri della locale stazione, agli ordini del comandante Toni Vitale. I militari avevano subito soccorso la giovane. Tempestivo l’arrivo di un’ambulanza del 118. Da ieri , appena si è diffusa la notizia in città, sono tanti i messaggi sulle piattaforme social dedicati a F.S., una ragazza molto conosciuta così come i suoi genitori e la sorella. Amici e familiari hanno voluto esprimere anche sul web la loro vicinanza alla giovane. “Devi farcela, non mollare”. Scrive una ragazza, amica della donna. “Siamo in tanti, non sei sola. Quando tutto questo sarà passato ci fermeremo a parlare per capire cosa ti sia accaduto in questi anni”. “Nulla può farti odiare la vita, ci siamo noi amici con te!”

Articoli correlati

Choc in campo: insulti razzisti a calciatore Sarnese. “Nero di m….”

Redazione

Addio ad Annamaria, uccisa dal marito. Dolore a Sarno

Redazione

Giovane sarnese truffa il bomber Lautaro

Redazione

Settimana per il Benessere Psicologico in Campania

Redazione

Operaio 60enne investito e schiacciato da un muletto in fabbrica: è grave

Redazione

Sequestrati a Scafati 11mila prodotti “pericolosi per la salute”

Redazione