Attualità Brevi Primo Piano

Diventa mamma dopo 20 anni di attesa. Il sogno diventa realtà

Corona il sogno di diventare mamma dopo 20 anni di attesa e 7 interventi addominali. La felicità per   Emma Mazzotta, 44enne di Cava de’ Tirreni, ed il marito l’avvocato Matteo La Ragione che dopo essersi rivolti in precedenza a numerosi professionisti, senza ottenere alcun risultato, si sono affidati a Raffaele Petta, primario del reparto di Gravidanza a rischio del Ruggi di Salerno.

Una gravidanza molto complessa quella della 44enne metelliana, sia per l’età avanzata, sia perché la stessa era stata sottoposta a ben sette interventi laparotomici addominali. Questa condizione rendeva l’utero particolarmente fragile, poco adatto a contenere una gravidanza, per il rischio di rottura dello stesso, con conseguente morte del bambino e pericolo di vita per la mamma. Il percorso della gravidanza è stato, quindi, molto complesso, monitorata attentamente con frequenti e lunghi ricoveri ospedalieri. A complicare una condizione già difficile sopraggiungeva, poi, anche un anomalo aumento del liquido amniotico, che comportava un assottigliamento delle precedenti cicatrici sull’utero e conseguente pericolo di rottura dello stesso. Giunti alla 32esima settimana, proprio per scongiurare una imminente rottura dell’utero, è stato deciso di sottoporre la paziente a taglio cesareo, nonostante la presenza di numerose e tenaci aderenze, dovute ai sette interventi sull’addome eseguiti in precedenza, dopo aver accelerato la maturazione dei polmoni del bimbo, con la somministrazione di cortisone. Nasceva così il piccolo Ugo, con un peso di 2,060 kg, lungo 40 centimetri. Il piccolo Ugo è stato successivamente seguito nel reparto di Terapia intensiva neonatale per oltre un mese.

Fonte Il Mattino 

Articoli correlati

Alimenti per i bisognosi ritrovati nella spazzatura

Redazione

Sarnese minacciato da una donna: “Devi pagarmi!”

Redazione

Poker della Frattese. Sarnese a quattro punti dalla zona playout. Mister Esposito: “Purtroppo il risultato è bugiardo”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy