Brevi Cronaca Primo Piano

Denuncia i carabinieri: “Mi hanno rubato i soldi”

Aveva subito una perquisizione in casa, poi ha chiamato i carabinieri, autori di quel controllo, denunciandoli di avergli rubato i soldi. Ora rischia un processo per calunnia. Il protagonista è un giovane di Angri, A.P. , imputato per il reato di calunnia, dopo aver incolpato falsamente un brigadiere, da lui conosciuto, di avergli portato via del denaro. La cifra consisterebbe in 160 euro, “sottratta” nel corso di una perquisizione che si sarebbe conclusa, a detta del giovane, con l’ammanco poi riscontrato in una fase successiva. «I carabinieri mi hanno rubato i soldi – riferì il ragazzo – li avevo nel portafogli».

Le successive indagini mirate a ricostruire i fatti, portarono alla denuncia del ragazzo, accusato di aver mentito sulla circostanza. Secondo la sua versione dei fatti, due carabinieri che lo avevano controllato, con attenzione alle sue cose e ai suoi effetti personali, avevano poi sottratto indebitamente dei soldi. Lui non aveva trovato cento euro, secondo quanto riferito nella telefonata: successivamente, in una seconda telefonata, avrebbe ulteriormente modificato i dettagli della vicenda, riferendo di aver subito un furto non per cento euro, ma per centosessanta euro.

A quel punto, nel mezzo della denuncia-bis, lo stesso accusatore, ritenutosi derubato, aveva poi fatto il nome del militare. «È stato lui – spiegò – lo conosco bene», rivolgendosi al centralinista dei militari, lo stesso per entrambe le chiamate di denuncia. Per questi fatti, risalenti alla notte del ventisette settembre 2018, la procura di Nocera Inferiore ha chiesto il rinvio a giudizio. 

Fonte Il Mattino

Articoli correlati

Droga e armi, nei guai noto imprenditore di Sarno

Redazione

Avis Sarno: la donazione del 16 ottobre riserva una sorpresa…

Redazione

Fermato per droga picchia i poliziotti: arrestato

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy