Sarno Notizie
CampaniaCovidNotizie Primo Piano

Covid Campania, De Luca: “Grave emergenza. Dobbiamo riaprire le terapie intensive”

Emergenza covid Campania, riattivati i posti di terapia intensiva negli ospedali modulari

«La situazione sta evolvendo, la ricerca avanza, quindi prima o poi arriveremo a una situazione tranquilla, ma oggi siamo di nuovo in una situazione di grave emergenza, siamo nel pieno della quarta ondata».

A dirlo il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel corso della consueta diretta del venerdì. «Dobbiamo cambiare due opinioni che abbiamo coltivato tutti quanti e che hanno determinato qualche elemento di delusione. La prima è che vaccinandoci avremmo risolto il problema: abbiamo verificato sul campo che purtroppo non è così. Non basta la vaccinazione singola perché dopo 5-6 mesi l’effetto protettivo del vaccino diminuisce drasticamente. Ma abbiamo imparato che bisogna fare la seconda e terza dose e probabilmente dovremo fare il vaccino contro il Covid ogni anno come l’antinfluenzale. Sono per avere fiducia, stanno arrivando anche i primi farmaci per una cura efficace dopo che sei stato contagiato, a condizione che siano assunti entro 2-3 giorni da quando si rivelano i sintomi del Covid».


Per questo, aggiunge il governatore, «siamo al punto che, continuando questa crescita di contagio, dovremo chiudere reparti ordinari e riaprire reparti di terapia intensiva. In Campania abbiamo un tasso di occupazione molto basso ma abbiamo dato indicazione ai nostri direttori generali di riattivare i posti di terapia intensiva a cominciare dagli ospedali modulari che abbiamo realizzato, oltre 70 solo all’ospedale del Mare a Napoli, e poi a Caserta e a Salerno. Per la gioia di quelli che ci facevano osservare criticamente che erano vuote. Dobbiamo prepararci e sapere che pagheremo un prezzo, perché se la crescita dei ricoveri continua, prima o poi, dovremo rallentare l’assistenza per altri pazienti per riaprire i reparti Covid».

Ordinanza di Natale

De Luca torna pure sull’ultima ordinanza firmata: «Era il minimo di prudenza e responsabilità necessarie, non è la ghigliottina. L’obiettivo è evitare assembramenti davanti ai bar e ai pub di gente che consuma alcolici, provocando assembramenti.
L’alternativa è la chiusura di tutto. Se perdiamo la testa nella settimana dalla Vigilia di Natale a Capodanno, noi perdiamo tutto quello che abbiamo fatto in questi mesi, e ci ritroviamo a metà gennaio a dover richiudere i bar e i ristoranti, le attività che comportano assembramenti, i negozi, le palestre, i cinema, i teatri.
Diventerà inevitabile. Per cui evitiamo impazzimenti a Natale e Capodanno e sfruttiamo l’occasione per riscoprire gli affetti familiari». E ancora: «Quindi nessuna festa di piazza. A Capodanno non è possibile nessuna forma di controllo, cosa controlliamo?
Migliaia di persone senza mascherina, gente che si passa la bottiglia di alcolici?».

Articoli correlati

Rischia di perdere il figlio. L’appello disperato di Fabrizio “Aiutatemi”

Redazione

VIDEO | Assise disertata dalla maggioranza, in aula solo il Presidente Aliberti

Redazione

Espropri post frana, Montoro: “Centinaia di persone in attesa di liquidazione”

Redazione

Coronavirus: Campania, tornano a salire casi. De Luca: “Controlli rigorosi”

Redazione

Seria A, Milan che crollo a Monza

Redazione

Furto in casa, i ladri rubano anche il cane

Redazione