Cronaca Primo Piano

Clandestino e ricercato finisce in manette l’ex Imam anti-Isis

 

Espulso dall’Italia perché clandestino e ricercato per aver forzato un posto di blocco.

Arrestato l’ ex Imam, punto di riferimento della comunità islamica in Campania, Larbi Dernati (nella foto). L’ uomo è stato intercettato e bloccato la scorsa sera da alcuni poliziotti in borghese del commissariato di Polizia di Stato, mentre girovagava nei pressi della stazione delle Ferrovie.

L’area era già attenzionata da diverse settimane, perché alcuni residenti della zona avevano segnalato la presenza dell’uomo la cui foto era rimbalzata anche sulle piattaforme social. Dernati, 33 anni, appena raggiunto dai poliziotti ha opposto resistenza tentando di scappare. Dopo una breve colluttazione con gli agenti, è stato bloccato e in seguito alle formalità di rito è stato condotto al carcere di Fuorni. Il 33enne, clandestino sul territorio nazionale, ha alle spalle una serie di precedenti per violenza, stalking e detenzione di arma. Era stato espulso dall’Italia lo scorso giugno, condannato con sentenze passate in giudicato per detenzione di arma illegale. Il provvedimento era stato emesso dal giudice, in ragione anche del mancato rinnovo del permesso di soggiorno. Dernati fu sorpreso con delle armi quando nell’estate del 2016, i carabinieri, su segnalazione di alcuni vicini, intervennero nella sua abitazione in via Francesco Milone nella periferia di Episcopio, per una violenta lite.

Le urla della compagna avevano spaventato i residenti della zona che avevano richiesto l’ intervento dei militari che ritrovarono nella camera da letto un fucile da caccia semiautomatico con matricola abrasa. L’ uomo fu denunciato anche per lesioni personali, poi l’ accusa cadde perchè la famiglia ritirò la querela.

IL PERSONAGGIO

Quella per la detenzione di arma clandestina andò avanti, fino in Cassazione. Il 33enne denunciato, poi, anche per stalking da una connazionale che pedinava e minacciava. Dinanzi all’ inasprimento della misura cautelare, era evaso dai domiciliari rendendosi irreperibile. Dernati, inoltre, lo scorso 21 ottobre era stato fermato per un controllo ed identificazione dai carabinieri sezione radiomobile della tenenza di Cava de’ Tirreni, nei pressi della stazione ferroviaria metelliana. L’ uomo, però, aveva opposto resistenza ai militari, sottraendosi al controllo e dandosi alla fuga lungo i binari. Dernati era riuscito a far perdere le proprie tracce. L’ uomo che ora si trova al carcere di Salerno, era conosciuto come l’ Imam pacifista ed anti Isis. Aveva organizzato una manifestazione coinvolgendo la comunità islamica campana, dopo gli attentati di Parigi del 2015. Un corteo che avrebbe dovuto portare in piazza migliaia di persone, ma al quale presero parte pochi cittadini ed uno sparuto gruppo di suoi connazionali.

Articoli correlati

La Nuova Pallacanestro Sarno vince anche a Mugnano

Redazione

Suo figlio ha una multa, deve pagarla subito altrimenti raddoppia”. Truffata anziana in casa

Redazione

Migranti, a Palma Campania vademecum per Bengalesi: “Usate doccia e deodoranti”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy