Attualità Brevi Primo Piano

Chiusa la Cappella del Gesù Morto: i fedeli protestano in strada a Sarno

Chiuso il portone della Cappella di San Filippo e Giacomo, conosciuta anche come quella del Gesù Morto, i fedeli protestano. «Una vergona in un giorno così importante – dicono – Restiamo a pregare in strada».

Una consuetudine la tappa in via Fabricatore, a Sarno, durante il tradizionale “struscio” del Giovedì Santo per la visita e la preghiera agli altari della reposizione, comunemente detti sepolcri. Decine di persone si sono affollate intorno al portone di ingresso della piccola cappella privata che da decenni rappresenta devozione e fede. Piccola e suggestiva, all’interno una statua del cristo morto, quasi a grandezza naturale, luci soffuse e poche sedie intorno. Una amara sorpresa per i tanti devoti che si ritrovati davanti ad una porta sbarrata proprio nel giorno della tradizione. Rimasti in strada hanno criticato fortemente la scelta del proprietario. «Questa cappella è sempre stata luogo di devozione. – ha spiegato una residente della zona –  Non è mai accaduto restasse chiusa. E’ sempre stata allestita per questo giorno ed anche in altre occasioni». I residenti di via Fabricatore e via Laudisio hanno pensato di allestire il tosello almeno all’esterno.

Articoli correlati

Drappo sul monumento ai caduti: il sindaco denuncia

Redazione

Inseguimento nelle campagne: ladro in cella e carabiniere in ospedale

Redazione

Arrivano i led: modernità e risparmio

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy