Primo Piano

Caro acqua e caos conguagli: arriva un nuovo salasso

Caro acqua e caos conguagli: è partito un nuovo salasso. Bollette pazze e piovono cifre a più zeri nelle case dei sarnesi. Una vicenda che sta creando disordine con bollettini  di conguaglio che proprio in questi giorni la Gori spa sta facendo recapitare un po’ a tutti.  Il riferimento è agli anni precedenti al 2012, si parla dunque di almeno 3 anni fa, senza alcuna altra specifica che possa chiarire il periodo e la fattura di riferimento. Quindi, bollette incomprensibili e difficilmente controllabili dagli utenti. Il consigliere dell’Udc, Francesco Squillante, ha già chiamato in causa l’amministrazione comunale per chiedere spiegazioni ed un controllo serrato sull’operato della società che gestisce il servizio idrico integrato. “E’ un atteggiamento vessatorio perché arriva il conguaglio per bollette già pagate. Mi chiedo quali azioni intenda mettere in campo l’amministrazione” . Tuona Squillante. “Ho giù presentato un documento per avere chiarimenti dall’amministrazione comunale che ha il compito di vigilare e controllare queste dinamiche. – ha sottolineato il centrista –  Sono tantissimi i cittadini che stanno ricevendo dalla  Gori  bollette che riguardano i conguagli tariffari ante 2012 e si tratta, nella maggior parte dei casi, di importi piuttosto elevati. L’aspetto più caotico è rappresentato dall’assenza  dell’indicazione dei periodi e delle fatture di riferimento.  Sembra oltremodo inusuale e vessatorio che i cittadini, dopo aver regolarmente pagato le fatture inoltrate dalla Gori per il periodo in oggetto, debbano oggi pagare un ulteriore conguaglio”. Squillante esprime perplessità anche sulla metodologia  adottata per accertare gli importi dovuti.  “Non si capisce, inoltre, come sia stato quantificato l’importo dovuto da parte del commissario dell’ente ambito senza che siano stati interpellati anche i sindaci dei comuni aderenti all’Ato 3. Urge chiarire queste vicende che stanno interessando la maggior parte dei cittadini e chiedo all’amministrazione di agire quanto prima”.  

Rossella Liguori

Articoli correlati

La Sarnese rimette il titolo nelle mani del Sindaco

Redazione

La Sarnese si ferma a Cava

Redazione

Farmaci rubati, s’indaga anche al Villa Malta

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy