Attualità Primo Piano

Bus cade dal viadotto, muoiono 40 persone. Il 28 luglio 2013 la strage sulla Napoli – Bari

Il più grave incidente stradale della storia d’Italia

Il 28 luglio del 2013  un autobus, con a bordo 47 persone, cade da un viadotto dell’autostrada, e uccide sul colpo 38 persone. Altre due moriranno in ospedale, otto i feriti. Si tratta di persone che rientravano da Pietrelcina per arrivare a Pozzuoli a bordo di un autobus di una società privata. 

La ricostruzione dell’incidente

Sono le 20.30 circa: l’autobus, in discesa, inizia a prendere velocità e diventa subito ingovernabile. Si scoprirà poi che un giunto cardanico dell’albero di trasmissione si era rotto, tranciando l’impianto frenante. L’autobus, in piena discesa poco prima dell’arrivo sul viadotto dell’Acqualonga, diventa un missile. 

Con i freni che non rispondono, l’autobus inizia a sbandare, colpisce alcune auto presenti sulla carreggiata prima di sfondare il guardrail e finire nel baratro, un volo nel vuoto di oltre trenta metri. 

 

 

 

Dopo 7 anni la  differenza con il Ponte Morandi.  “C’ è ponte e ponte: i morti di Acqualonga sepolti dal Morandi”. 

“Il Fatto Quotidiano” a sette anni dalla tragedia di Acqualonga intervista Rosario Cantelmo, il pm che accusò Autostrade che ricorda quei momenti drammatici:

Accertammo che i chiodi che bloccavano le barriere laterali erano completamente corrosi dalla ruggine. Quella sciagura era evitabile. Disattenzione, colpevole negligenza, totale disprezzo dei doveri. 

Nessuno ricorda la miseria della ferraglia arrugginita di Acqualonga, tutti l’imponenza del ponte Morandi, quel boato misterioso, l’ urlo della signora che filma il momento” 

 

 

page1image71641616page1image71642032

 

Articoli correlati

Il nuovo commissario del Consorzio di Bonifica è l’avvocato D’angelo

Redazione

A San Valentino Torio vince la solidarietà

Redazione

Vandalizzata ambulanza mentre i medici prestano soccorso. Atto ignobile

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy