Notizie Primo Piano

Buongiorno con le notizie del giorno

Sparatoria a Napoli, “sulla bimba ferita da guerra” parla il chirurgo. In un video le immagini del killer

Era ‘una ferita da guerra’ quella sul corpo di Noemi, la bimba di 4 anni giunta venerdi’ pomeriggio nell’ospedale Santobono dopo che un proiettile le aveva trapassato entrambi i polmoni. Lo ha detto Giovanni Gaglione, primario di chirurgia pediatrica, che l’ha operata nella notte tra venerdi’ e sabato estraendole il proiettile calibro 9, del tipo ‘full metal jacket’, in cui il piombo interno e’ rivestito da un metallo piu’ duro. Spunta intanto un video dell’agguato: il killer insegue la vittima designata, spara tra la folla e poi scavalca per due volte il corpo della piccola riverso sull’asfalto.

Siri, inchiesta sulla palazzina di Bresso. Lega contro Conte

La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta, senza ipotesi di reato ne’ indagati, sull’acquisto da parte del sottosegretario Armando Siri di una palazzina a Bresso, nel Milanese, attraverso un mutuo di 585mila euro con una banca di San Marino. ‘Io sono tranquillo. Se a Siri viene contestato di avere un mutuo, e’ un reato che compiono alcuni milioni di italiani’, replica Salvini.
La Lega attacca Conte. ‘Siamo esterrefatti. Dovrebbe essere garantista, invece sembra si sia sbilanciato dalla parte del M5s, perdendo il ruolo di arbitro del primo anno di governo’, dice il capogruppo al Senato Romeo.

 

Funzionario Palazzo Chigi trovato morto a Parigi

Un funzionario di Palazzo Chigi e’ stato trovato morto stanotte a Parigi, con una ferita al mento, a terra nei pressi dell’hotel in cui risiedeva. Secondo fonti dell’Ambasciata d’Italia, si tratta di un ‘decesso per cause naturali’. Secondo il sito online del settimanale Le Point, il funzionario – Massimo I., 50 anni – era un membro dei servizi. Stando alle fonti diplomatiche italiane, si trovava a Parigi da alcuni giorni per partecipare a un corso di lingua nell’ambito degli scambi fra i due paesi.

Allarme per il pianeta, un milione di specie a rischio

Nuova preoccupante allerta per il pianeta. Un milione di specie animali e vegetali (una su otto) sono a rischio estinzione nel breve termine, ha avvertito la Piattaforma intergovernativa per la biodiversita’ e i servizi ecosistemici dall’Unesco di Parigi.
Gli esperti dei 110 Paesi, sui 132 dell’organizzazione Onu, continuano pero’ a nutrire speranza: si puo’ ancora evitare il peggio, avvertono, a condizione di porre fine all’eccessivo sfruttamento della Terra.