Brevi Cronaca Primo Piano

Bimbo ucciso nel Napoletano: botte per rottura sponda lettino

“Avevano rotto giocando la sponda del lettino appena comprato”. Sarebbe stata questa la motivazione che ha portato il 24enne di Cardito Tony Essoubti Badre, fermato per omicidio volontario e tentativo di omicidio, a picchiare fino a uccidere Giuseppe, il bimbo di 7 anni figlio della compagna, e a ferire gravemente la sorellina di 8. Questa la confessione dell’uomo – di cui riferiscono vari quotidiani- al termine del lungo interrogatorio. I bambini sarebbero stati colpiti – ha detto – a pugni e calci ma non, come trapelato, con la mazza di una scopa.

L’uomo avrebbe rotto la scopa per rabbia ma non la avrebbe usata contro i bambini. “Avevamo fatto sacrifici per comprarlo”, ha aggiunto Tony Badre riferendosi al letto nuovo per tentare di giustificare il suo gesto.
Intanto, continua il lavoro degli investigatori per cercare di definire tutti gli aspetti della vicenda, a cominciare dal ruolo avuto dalla madre dei bambini e compagna dell’uomo mentre preziosa e’ stata la testimonianza della sorellina del piccolo ucciso.

Articoli correlati

Donna giù dal quarto piano, migliorano le condizioni. Tanti i messaggi degli amici

Redazione

Condemi: “Dobbiamo lavorare molto”

Redazione

Pol.Sarnese – La lettera di Origo ai tifosi: “Campionato difficile, ma uniti si vince”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy