Sarno Notizie
AttualitàSalerno

Battipaglia. Disinnesco bomba. Evacuazione per 3500 persone

Rimozione e disinnesco bomba a Battipaglia: treni deviati domenica 1° ottobre

È tutto pronto a Battipaglia per il 1 ottobre, giorno in cui ci sarà il disinnesco della bomba rinvenuta in estate in un cantiere edile. La data è stata in forse negli ultimi giorni dato che Rete Ferroviaria Italiana aveva espresso dei dubbi a causa di alcune problematiche relative alla logistica di spostamento dei convogli dato che la stazione di Battipaglia è un nodo importante per il trasporto su ferro sia da nord a sud che da est a ovest.

«Durante le attività di rimozione – fanno sapere dall’ente ferroviario sarà necessario interrompere la circolazione ferroviaria nella tratta tra Pontecagnano e Battipaglia; pertanto, sarà modificato il programma di circolazione di alcuni treni a lunga percorrenza e regionali.

Nei giorni scorsi, in Prefettura, il viceprefetto Franca Fico ha presieduto l’incontro di concertazione teso a definire gli ultimi dettagli dell’evacuazione di domenica. Al tavolo c’erano i referenti di tutti i gestori dei sottoservizi: eDistribuzione, Asis et similia. D’altronde le operazioni di bonifica e disinnesco, a cura degli artificieri del 21esimo Reggimento Genio guastatori dell’Esercito italiano, di stanza a Caserta, interesseranno in prima persona più di 3.500 persone. Ci sono circa altri 1.500 battipagliesi interessati in maniera meno diretta dall’evacuazione, perché dalle 5 alle 19 rimarranno senza forniture, visto che i distacchi non possono meticolosamente ricalcare la zona rossa.

 

Articoli correlati

Nocera Inferiore: l’Esercito dona un sorriso ai bambini dell’Umberto I

Redazione

Esercito: operazione “Strade Sicure”, cambio al vertice del Raggruppamento Campania.

Redazione

Macellavano agnelli in casa, stranieri denunciati a Battipaglia

Redazione

A Nocera Inferiore la prima piazza in Italia intitolata all’Esercito

Redazione

Palma Campania, trovato proiettile della seconda guerra mondiale

Redazione

Reggimento «Aqui» a Sarno. Ferrentino: «Grazie all’Esercito per quanto fatto nel ’98»

Redazione