Notizie Primo PianoAttualitàBrevi

Allarme ospedale: “Serve più personale, subito!”

Pronto soccorso, boom di prestazioni, medici ed infermieri in allerta per la notte di San Silvestro. Dopo il caos dello scorso 24 dicembre tra giovani sarnesi ed extracomunitari in overdose, feriti per liti familiari, tamponamenti ed ubriachi, si teme il collasso per il prossimo 31. Sono gli stessi operatori ospedalieri a lanciare l’allarme. “Troppi gli interventi, – spiegano – a rischio l’incolumità nostra e dei pazienti. Siamo già a migliaia di prestazioni per questo anno che si chiude e l’ospedale riesce a garantire l’attenzione per tutti con grande affanno”. L’allarme scatta per la gestione delle emergenze di Capodanno ed il possibile arrivo di centinaia di pazienti, come accade ogni fine anno. Il “Martiri del Villa Malta”, situato proprio accanto allo svincolo autostradale della A30, copre un bacino di utenza che abbraccia l’area della provincia di Salerno, ed anche le zone vesuviane e nolane. Gli ingressi sono spesso difficili da coordinare e le aggressioni al personale sono all’ordine del giorno. Le prestazioni sono a catena in un andirivieni senza sosta che mette a dura prova personale medico, paramedico e le guardie giurate addette alla sicurezza ed alla sorveglianza. I passaggi di emergenza al pronto soccorso sforano ogni anno quelli che realmente si possono gestire rispetto alle risorse ospedaliere operanti. Presso il presidio di primo intervento di via Sarno – Striano le entrate arrivano al doppio della reale portata del nosocomio: sono almeno cinquantamila le prestazioni annue che a fatica si coordinano. Gli operatori sono preoccupati e, dopo le numerose aggressioni, temono di perdere il controllo della situazione nella notte di capodanno, dove le richieste di intervento arriveranno a triplicarsi. “Siamo continuamente al centro di nervosismi ed aggressioni – spiegano i medici – per la gestione della sala di attesa e dei diversi codici. Serve un potenziamento già da anni”. Servirebbe un rafforzamento delle risorse. Già lo scorso 24 dicembre si è dovuto far fronte al caos di numerosi interventi. Tante le richieste per il 118 e per il pronto soccorso.

Articoli correlati

Covid, in Campania 1.862 nuovi casi e 62 decessi

Redazione

Avviso – Senza acqua da stasera a domattina. Ecco dove …

Redazione

Prima la benedizione, poi la vittoria. La Sarnese conquista 3 punti

Redazione

No vax, è boom di ricoveri a Sarno: Parlano i medici del pronto soccorso

Redazione

Sarno, tre giorni per non dimenticare la tragica alluvione di vent’anni fa

Redazione

Canfora: incarico revocato

Redazione