Notizie Primo Piano Cronaca

Addio Lina, piccolo angelo. Una comunità tra dolore e lacrime

E’ una comunità stretta nel dolore quella di Ercolano. La notizia della tragica morte della piccola Pasqualina D’Anna, 11 anni, ha sconvolto la città.  Tanti i messaggi di cordoglio.

Una morte drammatica, improvvisa, mentre la piccola stava giocando con i cuginetti in una piscina. Ancora da accertare le cause della morte, forse un malore, una congestione. Il pm della Procura ha disposto il sequestro della salma.

 

LA TRAGEDIA 

Stava giocando in acqua come fanno tutti i bambini della sua età Pasqualina D’Anna, l’undicenne morta ieri per annegamento nella piscina dell’Hotel Punta Quattro Venti a Ercolano (Napoli). «Giocavano alla morte nell’acqua – scrive Il Mattino, che riporta la testimonianza di una zia – ma Lina non si riprendeva più. I bambini hanno chiamato il bagnino. Non c’è stato nulla da fare. Siamo distrutti». Il padre, Alessandro D’Anna, 37 anni, è un pregiudicato ritenuto legato al clan Ascione-Papale e non era presente al momento dell’incidente. La madre è la nipote del boss Antonio Papale, ucciso nel 2007 ad Ercolano.

La piccola – secondo quanto hanno ricostruito i Carabinieri del Nucleo investigativo di Torre Annunziata – stava giocando nella piscina più piccola del complesso alberghiero quando, per motivi non ancora accertati, è annegata. Sul posto è accorsa un’ambulanza del 118, che ha provato a rianimarla, ma inutilmente. I Carabinieri della tenenza di Ercolano e della Compagnia di Torre Annunziata hanno avviato le indagini. Il pm della Procura ha disposto il sequestro della salma.

 

(Foto Il Meridiano)

Articoli correlati

Allerta Meteo: decisione per le scuole a Sarno

Redazione

Sarnese, parla il capitano Ansalone Condemi

Redazione

Roghi dolosi, torna la paura a Sarno

Redazione

Insieme in piazza: il mensile diocesano in edicola con un regalo speciale

Redazione

Calcio, Napoli: la lista di Spalletti per l’ Europa League

Redazione

Minacce e tentata aggressione a studenti: da domani scuole pattugliate dalla polizia

Redazione