Eventi Primo Piano

Addio a Muller, maestro di vita e di scene

Si è spento venerdì a Sarno, a 93 anni, l’ attore, drammaturgo e regista teatrale Franz Muller. Luigi Giurunda questo il nome del Maestro, come tutti lo chiamavano si era da tempo trasferito nella città dell’Agro. Vi era arrivato da Roma per un invito casuale di un amico attore, Carmine Pagano, e quel «piccolo paese col fiume e col castello» gli era piaciuto molto.

Qui, nel centro storico, lo scorso anno aveva inaugurato il suo «Piccolo Teatro»: 90 posti a sedere ricavati da un ex deposito, palcoscenico di iniziative culturali e laboratorio teatrale, gratuito, per i ragazzi sarnesi. Muller era uno dei 25 beneficiari della legge Bacchelli. Generosamente aveva costruito quel teatrino investendo i suoi risparmi e attingendo anche dal vitalizio, ennesima testimonianza d’ amore per il suo mestiere – il debutto nel 1946 con la Compagnia italiana per il festival della prosa – ma soprattutto per l’ unica figlia Simonetta, tragicamente morta in un incidente stradale nel 1996, a cui aveva dedicato la sala. Ieri alle 16 la cerimonia laica di addio a Franz: a piazza Marconi, dove abitava, a mezza via tra il suo Piccolo Teatro e il più grande Teatro De Lise che, per strana coincidenza, proprio lo scorso anno era stato inaugurato, lui, felice, seduto in prima fila. 

Enzo Salerno

Articoli correlati

Incendio sul Saretto causato dai fuochi d’artificio, il sindaco emette il divieto

Redazione

Accende il camino spruzzando alcool e si ustiona

Redazione

Raccolta rifiuti: addio al “porta a porta”, ritornano i cassoni

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy