Attualità Primo Piano Senza categoria

Abbuffate Natalizie? Niente paura! Il Dottor Nocera consiglia…

Dieta e Natale? Sembra un binomio impossibile, eppure ci sono metodi, piccole astuzie per non fare grandi rinunce e non rinunciare neppure alla forma fisica. 

Tra dolci succulenti, torte rustiche, piatti tradizionali ricchi di calorie può sembrare difficile mantenere un equilibrio, ma il nostro esperto, il dottor Mario Nocera, Biologo Nutrizionista ,ci rivela come fare. 

Parola all’Esperto di SarnoNotizie, che si avvale dei migliori professionisti in vari campi, riesce a dare risposte alle domande degli utenti. Così anche stavolta con nutrizione, dieta, timore di ingrassare durante le festività natalizie.

Grazie al Dottor Mario Nocera per la consulenza ed il suo infallibile PROTOCOLLO NOCERA  

 

Come ci si prepara a livello nutrizionale per le feste natalizie?

Consiglio sempre ai miei pazienti di continuare con la dieta fino al giorno prima delle cosiddette abbuffate, anche se poi, tanto abbuffate non sono, perché la maggior parte dei miei pazienti mi ha rivelato che non ha necessità né riesce ad ingerire grandi quantità di alimenti durante il percorso nutrizionale con i miei protocolli e metodi. Sicuramente la cosa che consiglio di più è quella di limitare i carboidrati durante la preparazione in modo tale da perdere più peso possibile prima delle festività.

C’è qualche astuzia da poter utilizzare per evitare di ingrassare?

Ridurre al minimo l’ingestione di cibo fritto e fast-food costituisce una delle principali strategie per mantenere il peso forma. Ridurre, non eliminare del tutto, in modo tale da tenere anche abbastanza attivo il fegato sotto questo punto di vista. La regola è : NON ESAGERARE!

Un’altra strategia da tener presente in queste feste natalizie è quella di non prolungare le festività a tavola. Voglio dire che una volta passati i giorni importanti come il 24 e 25 rimettersi subito a regime, ricordando che non si ingrassa tra natale e capodanno, ma da capodanno a natale.


Dobbiamo dire “no” ai dolci o possiamo cedere alle tentazioni?

Dico “sì” ai dolci vegani, che hanno minori grassi cattivi rispetto ai dolci industriali, tuttavia un sano dolce della nonna si può concedere solo in quei giorni e possibilmente senza fare il bis.
Meglio sempre scegliere un dolce fatto in casa che industriale.


Cosa consiglia di fare dall’8 gennaio?

Dall’8 Gennaio è importante fare una dieta disintossicante, per purificarsi di tutte quelle tossine ingerite o prodotte dal nostro corpo durante le feste. E’ importante ricordare, purtroppo, che i sintomi dello scompenso cardiaco possono peggiorare nel giro di uno o due giorni dopo aver mangiato cibi molto salati. Un consiglio ai miei pazienti ed a tutti è quello di leggere con attenzione le etichette degli alimenti e ricordarsi quanto sale si mangia ogni giorno, magari facendosi aiutare da un professionista della nutrizione. A tal proposito, ho messo a punto un protocollo disintossicante dopo le feste, utile a smaltire tutte quelle sostanze dannose per il nostro corpo. I cibi disintossicanti sono innanzitutto l’acqua e il limone, le tisane, la mela, il cardio mariano, il riso integrale e la barbabietola rossa. Mi preme ricordare sempre di affidarsi a dei veri professionisti abilitati; capire se una persona è realmente un biologo nutrizionista è semplice, basta collegarsi al sito http://iscritti.onb.it/Site/ElencoIscritti/elencoIscritti e inserire il cognome del professionista. Se c’è ed è iscritto nell’albo A, allora può esercitare la libera professione.

 

COSA E’ IL PROTOCOLLO NOCERA? 

 

Il Protocollo Chetogenico Nocera, messo a punto dal dottor Mario Nocera, non si basa sull’assunzione di bevande oggi in commercio, ma è solo una dieta alimentare, economica e molto fattibile. La dieta chetogenica è una dieta dove si escludono definitivamente o quasi i carboidrati. Per restare in chetosi basta non superare determinati g di carboidrati e questo è quello che accade nel Protocollo. A differenza di molte diete chetogeniche dove non si assumono carboidrati, nel Protocollo Nocera sì, eppure si resta in uno stato di chetosi, soltanto che il cervello non andrà così sotto sforzo come potrebbe accadere.

Il primo step si suddivide in due parti dove la prima è più drastica e dura 3 giorni, il corpo si prepara ad entrare in chetosi e il paziente perde già alcuni kg. Nel secondo step c’è anche la pizza c’è. La dieta chetogenica protocollo Nocera dura solo 20 giorni, in questo breve periodo si osservano miglioramento sia dell’umore dei pazienti che un ritrovato equilibrio tra insulina e glicemia a digiuno in pazienti diabetici. In particolare molti pazienti raccontano di non avere più il fiatone che si portavano dietro da anni, soprattutto durante il riposo i partner hanno osservato un miglioramento nella rancopatia (russamento cronico patologico).

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Rifiuti nei canali messa in sicurezza, Canfora: denunciamo questi criminali

Redazione

Paura in via Fabricatore: la forte puzza di fogna fa scattare l’allarme fuga di gas

Redazione

Buongiorno con le notizie del giorno

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy