Notizie Primo PianoSarnoCronacaSalerno

A Sarno la centrale del riciclaggio delle auto rubate, denunciato 49enne

A Sarno sono state rivenute autovetture rubate e targhe contraffatte

Una vera e propria centrale per il riciclaggio di auto rubate è stata scoperta a Sarno. A gestire un 49enne già noto alle forze dell’ordine.

Nel garage rinvenute autovetture rubate, targhe contraffatte. Ritrovate anche auto provenienti dalla Svizzera. L’operazione del personale del locale Commissariato di Polizia di Stato è scatta in seguito ad una specifica segnalazione.

La ditta “LoJack” Italia, azienda incaricata del monitoraggio satellitare di auto rubate, ha la localizzazione, in via Pioppazze, all’altezza civico 79, di un veicolo rubato.

Il personale del sapendo che in quella zona abita B.A., di 49 anni, con precedenti specifici per riciclaggio di autovetture, ha effettuato subito un controllo all’interno della proprietà di questi.

Una volta sul posto i poliziotti hanno rinvenuto sul lato posteriore della casa, occultata alla pubblica vista, un’Alfa Romeo Stelvio, rubata quello stesso giorno a Caserta. Vicino si trovava una Fiat 500 X, rubata il 9 agosto  a Pomigliano D’Arco. Entrambe le vetture erano ancora targate con la loro targa originale.

All’interno del garage dell’abitazione c’era una Fiat 500, il cui telaio della carrozzeria era stato contraffatto e per la quale sono in corso ulteriori accertamenti. Vicino alla Stelvio i poliziotti hanno trovato alcune targhe che B.A., nel frattempo chiamato sul posto, cercava di occultare: una targa anteriore apparteneva ad una Land Rover, rubata in data 5 luglio scorso a Salerno e quella posteriore era di un’auto svizzera, anch’essa oggetto di ricerche.

Rinvenuto e sequestrato un pass per accesso alla Caserma militare “Generale Gandin”, rilasciato ad una Lancia Y, rubata il 5 luglio scorso, e documentazione varia, compresi contratti assicurativi, relativi ad una Rover la cui era stato denunciato il furto in data 12 marzo di quest’anno a Torre del Greco.

All’interno del garage dell’abitazione veniva inoltre rinvenuto e sequestrato un apparecchio per la punzonatura metallica, composto da 16 punzoni per metalli, con lettere e numeri, quattro stencil in metallo per telai e 7sette adesivi di telai contraffatti e due chiavi elettroniche decodificate, posizionate per rubare la Fiat 500X e la Stelvio, ancora assemblate su dette vetture. B.A. è stato denunciato a piede libero e sono in corso accertamenti volti ad individuare eventuali complici. Le vetture, dopo i relativi accertamenti., saranno restituite ai legittimi proprietari.