CronacaNapoli

A due donne del clan il vitalizio destinato alle vittime di camorra

Scoperta frode per oltre 160mila euro

Moglie e suocera di un affiliato al clan Gionta hanno percepito indebitamente per 15 anni il vitalizio previsto per i familiari delle vittime della criminalità organizzata. Un caso sul quale ha fatto luce la procura della Repubblica di Torre Annunziata, che ha emesso d’ urgenza un decreto di sequestro preventivo di beni del valore di oltre 166.000 euro.

Tale beneficio economico era incompatibile con il fatto che la figlia della vittima dell’ agguato, nel 1999 fosse sposata con un esponente del clan Gionta, detenuto dal 2017 nel carcere di Secondigliano per diversi reati e condannato con sentenza definitiva dal 2018.

Articoli correlati

Sequestrata una tonnellata di botti illegali. Pronta la spedizione in tutta Italia

Redazione

Case post frana: soluzioni ed attese

Redazione

Mauro Adiletta: da bomber a dirigente. A Gragnano è il nuovo direttore generale

Redazione

Agroinvest, Felice Luminello si dimette: “Non ci sono più le condizioni per amministrare”

Redazione

De Luca: “Due collettori per ripulire le acque del fiume Sarno”

Redazione

Strade come fiumi tra Sarno e Palma Campania: non passa neanche l’ambulanza

Redazione