Sarno Cronaca Salerno

Covid – Positivi dopo una festa di compleanno. Famiglie infettate a Sarno

Focolai familiari ed un cluster dopo una festa di compleanno all’origine di alcuni casi covid registrati nelle scuole.

Sarebbe questa l’ultima scoperta dopo alcuni casi covid accertati tra adulti e bambini. Si stanno ancora verificando delle situazioni e sono scattate a Sarno quarantene per interi nuclei familiari. 

Stretta sulle regole e sui controlli, si pensa anche alla chiusura dei parchi giochi, una proposta arrivata ieri sera in aula di consiglio. Il quadro che si delinea a Sarno è quello che vede un aumento lento ma costante dei casi, una indagine epidemiologica, riunioni con il centro operativo comunale per nuove disposizione e l’organizzazione per vaccinare la prossima settimana già circa 1000 persone tra gli 80enni.

La vera emergenza che si sta vivendo in questi giorni riguarda i cluster familiari, molto probabilmente generati da una cattiva gestione delle norme anti contagio e del distanziamento. Situazioni che poi arrivano tra i banchi di scuola.

L’assessore Robustelli 

A spiegare la situazione è l’assessore alla protezione civile, Roberto Robustelli. “I dati del fine settimana hanno fatto registrare un incremento con conseguenti provvedimenti rispetto ad alcune scuole, perché vi sono genitori di alunni delle medie e delle primarie risultati positivi ed abbiamo avviato il contact tracing. E’ necessario avere attenzione anche in famiglia. Abbiamo notato contagi tra cugini e questo ci fa pensare che tra familiari spesso si abbassano le difese, si tende a non rispettare le regole. Bisogna recuperare la responsabilità perché ciascuno faccia la propria parte. La scuola non è un focolaio, ma certamente un vettore. I contagi, i casi positivi vengono da fuori, dove le regole non sono rispettate”.

 

Articoli correlati

VIDEO| Blitz congiunto di Aquile e Fiamme: sequestri e denunce

Redazione

Blue Whale a Sarno – Un familiare del bambino: “Una burla per attirare l’attenzione”

Redazione

Abusi sessuali su minore nel parco, custode a processo

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy