Sport

Antonio Tontaro, 10 anni, è Campione Nazionale di tiro

Antonio Tontaro, 10 anni, è “Campione Nazionale Giovanissimi”. Con il punteggio di 197,4 conquista il primo posto al campionati di tiro a segno categoria Carabina C 10 Giovanissimi che si è tenuto al poligono all’Acqua Acetosa di Roma domenica scorsa. 

Determinazione, fermezza, concentrazione, l’atleta di Afragola, della squadra del Tiro a segno nazionale della Sezione di Napoli, è salito sul gradino più alto del podio battendo alla finalissima ben 15 concorrenti provenienti da tutta l’Italia quali primi nella regione di appartenenza.

LA STORIA

Nel 2019 si era visto  scivolare il podio per pochissimi decimi alle nazionali. Ma la grinta e l’impegno gli hanno fatto raccogliere i successi  a livello regionale negli anni 2019-2020, per 2 anni consecutivi,  battendo record su record, fino al nuovo podio. Studente della seconda media alla Scuola Angelo Mozzillo di Afragola, Antonio sotto la guida attenta del papà che aveva intravisto in lui le doti per no sport di concentrazione e precisione, inizia a frequentare il poligono due anni.

Un amore a prima vista: si appassiona, inizia a tirare, nella prima gara totalizza 187 punti su 200 e nel 2019 vince il primo titolo comunale, provinciale e in seguito regionale nella Carabina 10 metri ad aria compressa  con il primo record Regionale e quest’anno bissa il successo a livello regionale e nazionale.

ANTONIO TONTARO : “CONCEBTRAZIONE E PRECISIONE”

«Quando sto per premere il grilletto mi concentro e cerco di fare il massimo, quando vedo il risultato mi emoziono – racconta Antonio  – Nelle gare non è facile gestire le emozioni, ma credo che la vera abilità stia proprio nel saperle gestire. Dal 2021 gareggerò nella categoria superiore dove si sparano 30 colpi e l’obiettivo sarà quello di fare il massimo perché nella vita nulla è impossibile.

Sono contentissimo dello sport che ho scelto, ho iniziato per gioco colpire  barattoli e tappi di bottiglia insieme al mio papà con un fucile giocattolo. Lui mi  spronava dicendo che ero portato per il tiro e un bel giorno mi ha detto che esisteva questa disciplina, sono venuto al TSN di Napoli e mi è piaciuto subito. Ho fatto le gare ed è andata bene. Ora sono contento della scelta e continuerò perché è una disciplina che insegna molto e regala tante soddisfazioni. Il mio idolo naturalmente Nicolò Campriani»

LA FAMIGLIA

Entusiasti il papà, la mamma e il nonno che da sempre seguo Antonio negli allenamenti e nelle gare. «La società Tiro a Segno è un ottimo ambiente che ha costruito un bel gruppo dove i ragazzi imparano le regole, il rispetto e la disciplina». Soddisfatti i tecnici del TSN di Napoli che continuano un lavoro incessante che ha alla base impegno, sacrificio, determinazione.  .

 

Articoli correlati

Il Savoia espugna lo Squitieri e rende Squillante profeta in patria

Redazione

Calcio a 5 femminile, torna alla vittoria la Polisportiva Sarnese

Redazione

Sarnese attiva sul mercato. Ok per Sgambato, difensore centrale

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy