Verifiche e controlli dell’Ente Parco. “Un lavoro costante ed ottimi risultati”.

Redazione
Da Redazione dicembre 14, 2015 11:10

Verifiche e controlli dell’Ente Parco. “Un lavoro costante ed ottimi risultati”.

  • Azione incisiva dell’Ente Parco del Fiume Sarno, interventi a tappeto sugli illeciti ambientali nelle province di Salerno e Napoli. Controllo serrato del territorio in un anno pieno di operazioni, il 2015, che ha portato ad individuare numerosi scarichi abusivi industriali edi civili abitazioni, la denuncia di diverse attività illegali. Sotto al lente di ingrandimento il comune di Scafati con interventi che hanno portato al blocco di sversamenti di acque reflue direttamente nel Fiume Sarno. Reflui potenzialmente inquinanti che finivano direttamente nel corso d’acqua. Operazioni importanti anche su Sarno, San Valentino Torio, Striano, Angri, Santa Maria la Carità. Scarichi industriali nel fiume Sarno, scarichi di civili abitazioni in vari comuni tra le province di Napoli e Salerno, abbandono di rifiuti sulle sponde del fiume e danni al Fiume Sarno, scoli fognari, opere abusive in area parco, taglio non autorizzato di vegetazione a danno dell’ecosistema, segnalazioni in Procura su esondazioni del fiume Sarno, denunce di smaltimenti illeciti di industrie conserviere. Un duro lavoro e tanti risultati positivi per la tutela ambientale, la lotta agli illeciti e la denuncia di abusi anche edilizi. Un’area vastissima quella dell’Ente Parco del Fiume Sarno, con 11 comuni tra Salerno e Napoli difficili da controllare e vigilare. Nonostante le difficoltà il presidente, Massimiliano Mercede, traccia un bilancio di numerose attività in una gestione di impegno e professionalità al servizio dei cittadini, anche grazie alla commissione scientifica ed al responsabile amministrativo, Mario Minoliti. Un Ente Parco che sotto la presidenza di Mercede ha dato una accelerata arrivando ad ottimi risultati per la salvaguardia ambientale e per la tutela della salute dei cittadini. “Una operatività a pieno regime che garantisce un serio e quotidiano controllo. Lo vedono i cittadini che si sentono tutelati, lo si vede nel contatto con il territorio. Non possiamo che essere soddisfatti e questo ci dà la spinta a continuare. Abbiamo operato numerose verifiche con ottimi risultati, abbiamo fermato attività illecite. Si sta finalmente capendo cosa significhi davvero rispetto dell’ambiente e tutela delle biodiversità. E’ un lavoro costante quello che facciamo e grande merito va dato al mio team, una commissione scientifica di esperti che lavora a titolo gratuito mettendo a disposizione professionalità indispensabili”.

Redazione
Da Redazione dicembre 14, 2015 11:10

Seguici su…