Tre anni di presidenza Mercede. La sua gestione piace ed è promossa

Redazione
Da Redazione dicembre 21, 2015 10:13
  • Una rinascita per l’Ente Parco grazie alla gestione del presidente più giovane d’Italia, Massimiliano Mercede. Da sede chiusa, da ente fantasma a punto di riferimento per tutti. In tre anni una vera trasformazione targata Mrcede promossa da tuti. Piace il lavoro portato avanti che è promosso dai cittadini e dalle istituzioni. Un duro lavoro e tanti risultati positivi per la tutela ambientale, la lotta agli illeciti. Un’area vastissima quella dell’Ente Parco del Fiume Sarno, con 11 comuni tra Salerno e Napoli difficili da controllare e vigilare. Nonostante le difficoltà il presidente, Massimiliano Mercede, traccia un bilancio di numerose attività in una gestione di impegno e professionalità al servizio dei cittadini, anche grazie alla commissione scientifica ed al responsabile amministrativo, Mario Minoliti.

    “Siamo passati da un Ente Parco che nel 2012 era una istituzione assente, sconosciuta, addirittura la sede a Sarno chiusa e senza dipendenti, ad una operatività a pieno regime su tutti gli 11 comuni che ricadono sotto la gestione. Non senza difficoltà, con il poco che abbiamo a disposizione e le risorse sempre più esigue, ma con tanto impegno e professionalità grazie anche alla commissione scientifica formata da varie esperti. Sono tanti gli interventi ad ampio raggio ed acutizzatisi con l’entrata in vigore della nuova legge sui delitti contro l’ambiente. Il Parco è diventato un punto di riferimento per i cittadini anche per denunce di illeciti e per risposte alle problematiche territoriali, gli altri enti hanno compreso l’importanza della collaborazione per opere che ricadono in area parco; si è capita l’importanza della salvaguardia ambientale e la tutela della riserva integrale. I passi che si stanno compiendo sono importanti e contiamo di continuare su questa strada che abbiamo tracciato e che possa spronare anche per le altre istituzioni”.

    Alcuni degli interventi operati che hanno dato vita ad una pioggia di denunce sono su scarichi abusivi, abusi edilizi, bracconaggio, discariche illegali .

Redazione
Da Redazione dicembre 21, 2015 10:13

Seguici su…