Spaccio e furti: retata ed arresti a Sarno

Redazione
Da Redazione maggio 9, 2017 13:03

Spaccio e furti: retata ed arresti a Sarno

 

Una maxi retata ha portato all’arresto di tredici persone per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in un’operazione della polizia coordinata dalla Dda di Salerno.

L’operazione antidroga condotta dagli uomini del commissariato della pubblica sicurezza di Sarno, diretti dal Vice-Questore Aggiunto Antonio Capaldo, vede coninvolte sedici le persone: dieci in carcere, tre agli arresti domiciliari, tre indagate a piede libero.

All’alba di questa mattina la Procura della Repubblica di Salerno – Direzione Distrettuale Antimafia— ha delegato la Polizia di Stato (Squadra Mobile di Salerno e Commissariato P.S. di Sarno) all’esecuzione di 13 Ordinanze di Custodia Cautelare a carico di altrettanti individui, di cui dieci in carcere e tre in regime di arresti domiciliari, tutti domiciliati in Sarno. Alle persone raggiunte dai provvedimenti restrittivi della libertà personale, sono stati contestati i reati di cui gli artt. 73 e 74 del DPR 309/1990 (illecita vendita di sostanze stupefacenti) e art. 624, 625 e 629 c.p. (furti ed estorsione). I provvedimenti cautelari eseguiti questa mattina sono il risultato di approfondite indagini condotte dal Commissariato di Sarno, corroborate da specifiche attività di controllo del territorio e con l’ausilio di attività d’intercettazione delegate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, tali da consentire la raccolta di gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati.
. Nel corso dell’attività investigativa é stata accertata la presenza, dapprima sul territorio di Sarno e poi in tutto l’Agro sarnese-nocerino, nonché in alcuni paesi vesuviani, di un gruppo di persona dedite, in forma associata, alla reiterata vendita, intermediazione, commercio e detenzione di spaccio di sostanze stupefacenti nonché dedite ai furti in abitazione ed in danno di esercizi commerciali.

I destinatari dei provvedimenti cautelari sono:
MANCUSO Gaetano ( classe 1967)
CIMA Luigi (classe 1987)
ADESSO Armando (classe 1992)
ESPOSITO Ylenia Anna (classe 1992)
AUFIERO Emanuele (classe 1987)
GIUDICE Angelo (attualmente detenuto, classe 1986)

MANNA Maurizio (classe 1974)

LABRIRI Youness (classe 1980)
ERRAI Rida, rnarocchino (classe 1988, attualmente detenuto)
ABDANI Omar (classe 1983, attualmente detenuto)
CIMA Giancarlo (classe 1981)
PAPPACENA Martino (classe 1982)
HAMDI Mohamed, tunisino (classe 1982).

Gli arrestati facevano parte di un’associazione ben organizzata dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare del tipo cocaina e hashish, e non già come detentori o spacciatori occasionali; infatti vi sono stati numerosissimi riscontri circa le cessioni di droga ai vari consumatori a seguito delle quali é emersa una continuità temporale di tali episodi e l’intercambiabilità dei ruoli all’interno della citata organizzazione. Sono stati inoltre riscontrati una serie di furti in abitazione e in danno di attività commerciali nonché un episodio di estorsione nei confronti di un proprietario terriero.

 

Redazione
Da Redazione maggio 9, 2017 13:03

Seguici su…