SettembreLibri: un successo che continua

Redazione
Da Redazione settembre 13, 2018 09:29

SettembreLibri: un successo che continua

Sta entusiasmando «SettembreLibri» con la sua full immersion nel mondo della narrazione: racconti, musica, fumetti, satira in un percorso che abbraccerà l’intera città. Ospiti autori nazionali ed internazionali con le loro opere recenti; oltre mille gli studenti coinvolti in giornate di dibattiti e riflessioni. E focus su tematiche importanti come la legalità e la lotta alle mafie, la solidarietà ed il futuro con letture nelle scuole. Come accade in altri importanti festival del settore gli incontri saranno itineranti con tappe nei luoghi della storia: dai palazzi alle ville di incantevole bellezza architettonica; dal museo alla casa comunale, posti ricchi di cultura ed identità. Già, perché la kermesse ha anche una valenza turistica con la piacevole scoperta di quinte fascinose, non solo per chi verrà da fuori – gli organizzatori auspicano numerosi – che per gli stessi residenti.


IL CARTELLONE

Venti gli appuntamenti, dal 7 al 30 settembre, tutti di qualità.  Il 19 presentazione de «Le dieci parole latine che raccontano il nostro mondo» di Nicola Gardini, mentre il 20 sarà la volta di «Voci del verbo Avvenire. I temi e le idee di un quotidiano cattolico» insieme al vescovo Giuseppe Giudice e al direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. Spazio alle nuvole il 20 con Sarno a Fumetti (villa del Balzo) e l’omaggio ai 70 anni del mitico Tex con tavole del penciler sarnese Mirko Milone. Il 28, ore 11, a Villa Lanzara presentazione della rivista «Colophon» con inaugurazione della sala espositiva «LiberArt, Libri d’Artista». Tributo a Giancarlo Siani l’indomani (Comune, 18,30): a parlare del libro «Fatti di camorra», raccolta di articoli del giornalista del Mattino assassinato dalla camorra nel 1985, sarà il fratello Paolo. Chiusura il 30 a villa Lanzara con l’attore Antonio Izzo, ore 19,30

LA MISSION

«Sarno è inserita nella lista nazionale Città che legge, – dice l’assessore Vincenzo Salerno – Credo sia il riconoscimento più bello dopo cinque edizioni. Mi piace ricordare quattro momenti che danno un’impronta nazionale: l’importante donazione di documenti di Domenico Rea fatta alla nostra biblioteca dalla figlia dello scrittore Lucia, e l’istituzione di un centro studi dedicato all’autore di Ninfa Plebea; la donazione di 200 volumi dal parte dell’Aib, sezione Campania; il protocollo d’intesa con la fondazione Umberto Mastroianni di Arpino; l’inaugurazione di uno spazio a Villa Lanzara dedicato ai libri d’artista, in prospettiva della nascita del museo civico di arte contemporanea e del libro d’artista». «Dalla lettura dipende lo sviluppo intellettuale, culturale, sociale ed economico di una città. sottolineato il sindaco Giuseppe Canfora – La più grande soddisfazione è vedere ogni anno crescere la partecipazione ed il coinvolgimento, autori che scelgono di venire qui a presentare i loro ultimi lavori, le scuole che seguono con entusiasmo».

Redazione
Da Redazione settembre 13, 2018 09:29

Seguici su…