Sarnese, addio Origo Diodati nuovo presidente

Redazione
Da Redazione luglio 7, 2018 13:38

Sarnese, addio Origo Diodati nuovo presidente

Con una lunga lettera ai tifosi, Francesco Origo ufficializza il passaggio del testimone. Non sarà più presidente della Sarnese e cede la carica a Emilio Diodati (primo sulla sinistra), giovane assicuratore sarnese. “Ho riflettuto molto in questi giorni-si legge- ma alla fine ho preso la mia decisione: la mia esperienza da Presidente della Sarnese 1926 finisce qui. Una favola iniziata nel luglio 2013 quando con un gruppo di amici, ho deciso di investire e di assumere la guida della Polisportiva Sarnese”. Origo illustra e ringrazia: “Abbiamo sempre cercato di abbinare alla pratica sportiva, una intensa attività solidale, ritenendo che lo sport debba essere strumento efficace per una crescita culturale e sociale. Il nostro scopo, anche attraverso il settore giovanile, è stato quello di trasmettere i valori della lealtà e della correttezza sportiva, del rispetto per l’avversario, della partita come sana e vera competizione agonistica, del rettangolo di gioco come scuola di vita. Siamo stati protagonisti nazionali, ricevendo premi ed attestati per il nostro fair play. Un impegno duro, serio, faticoso ma esaltante che da solo non avrei potuto reggere e portare avanti e quindi il primo mio ringraziamento va ai compagni di viaggio, i soci, gli amici e i dirigenti del nostro sodalizio che mi sono stati vicino fin dall’inizio, un ringraziamento a chi si è aggiunto strada facendo ed anche a chi ci lasciato. Un grazie particolarmente sentito va a tutte le persone (tifosi, sponsor, imprenditori, etc..) che hanno sostenuto la causa con il loro sostegno ed il loro incoraggiamento”. Poi, rivendica i meriti: “In questi 5 anni insieme abbiamo raggiunto traguardi importanti, e mai ottenuti da altri, come la promozione in Serie D al primo anno e raggiunto 4 salvezze consecutive (record assoluto dei 90 anni di storia della Sarnese). Scrivere la storia di una squadra può capitare a chiunque ma farne parte è privilegio di pochi, e noi ci sentiamo dei privilegiati”. 

Redazione
Da Redazione luglio 7, 2018 13:38

Seguici su…