Riabbracciano la cagnolina smarrita. La storia a lieto fine a Sarno

Redazione
Da Redazione ottobre 23, 2018 18:03

Riabbracciano la cagnolina smarrita. La storia a lieto fine a Sarno

Disperata perché aveva perso la cagnolina. Ricerche di diversi giorni risultate vane. Poi, la buona notizia,  ritrovata dai vigili urbani e dal medico veterinario dell’Asl. E’ stato il microchip a far sì che la padrona riabbracciasse la sua cucciola che aveva già percorso diversi chilometri anche su strade pericolose dove ha rischiato di essere investita.

Una storia a lieto fine quella della piccola Kelly, una cagnolina che si era smarrita, superando il cancello di casa. Non era più riuscita a fare più ritorno dove viveva perdendo completamente l’orientamento tra le stradine della città di Sarno. Era arrivata da sola nell’atrio della scuola “Giovanni Amendola” in pieno centro cittadino, smarrita dalla zona periferica di San Vito.  I residenti della zona hanno segnalato la presenza della piccola, piuttosto malconcia, alla polizia municipale che si è subito attivata. Arrivati sul posto i vigili urbani insieme al dottor Toro dell’Asl canina hanno subito avviato i riscontri grazie al microchip.

Il sistema, infatti, ha consentito di rintracciare in pochi minuti la proprietaria. Grande la gioia alla notizia ricevuta al telefono e commovente l’abbraccio tra la cagnolina e la padrona. Una felicità immensa che ha emozionato anche i vigili e gli operatori dell’Asl.

Il Microcip 

A livello tecnico, il microchip è un transponder miniaturizzato cioè un circuito elettronico microscopico; ha la forma di una minuscola capsula che misura pochissimi millimetri in lunghezza e spesso non arriva al millimetro in diametro. Il microchip emette un brevissimo segnale solo se “attivato” da un apposito lettore. Sullo schermo del lettore appare una serie di 15 numeri: il codice unico al mondo che identifica il nostro cane. Il microchip viene iniettato con una normale iniezione sotto la cute del cane e quindi non può andare perso. Non è doloroso e non provoca nessun fastidio al cane, date le ridottissime dimensioni. L’iscrizione anagrafe canina va fatta entro il secondo mese (60 giorni) di vita dell’animale da parte dell’allevatore o del proprietario, o entro 10 giorni dalla data dell’acquisto o dell’inizio della detenzione.


Redazione
Da Redazione ottobre 23, 2018 18:03

Seguici su…