Raccolta rifiuti, Agovino: “La capacità di far subentra la Sarim alla Sarim dopo due anni di proroghe”

Redazione
Da Redazione dicembre 3, 2015 15:01

Raccolta rifiuti, Agovino: “La capacità di far subentra la Sarim alla Sarim dopo due anni di proroghe”


Riceviamo e pubblichiamo
Non vogliamo essere visti come facili profeti, ma come persone con una visione previdente e lungimirante delle problematiche ; prova ne è che la montagna, come volevasi  dimostrare, ha partorito il suo topolino.  
Dopo circa due anni di continue proroghe, le cui legittimità sono più che ambigue, trattandosi, nella fattispecie di affidamenti di fatto , senza espletamento di alcuna gara che alterano il valore economico del contratto iniziale, l’Amministrazione è riuscita a far subentrare alla SARIM la stessa SARIM.
 
Si voleva dare un servizio più efficiente e invece il piano industriale varato da questa Amministrazione, come già da noi denunciato nelle opportune sedi,   fa acqua da tutte le parti, in quanto rende più difficile per il cittadino e per il paese tutto, la sua attuazione.
 
Pensiamo, tra tutti i limiti di questo nuovo piano della raccolta rifiuti, ai nuovi contenitori da dislocare nelle varie zone del paese. Altro che miglioramento del servizio!
 
Le proroghe sono già costate, alle casse comunali, la notevole cifra di Euro  5.252.723,41 .
Come se tutto ciò non bastasse, è stata concessa di recente una ennesima, ulteriore proroga di mesi 6, con un  costo superiore a quello derivante dall’ intero appalto sospeso dall’Amministrazione in carica.   
Il confronto è presto fatto:
1) piano Canfora:   Euro  3.779.059,50 annue;
2) costo attualmente pagato: Euro 3.707.804,76;
3) costo a base dell’appalto annullato dall’Amministrazione: Euro 3.542.380,40
Il costo del servizio, come previsto dall’ultimo bando, fa lievitare i costi di circa 250.000,00 Euro all’anno, in barba alle promesse di un servizio più economico per i cittadini.
Come era facilmente scontato, nessuna impresa, al di fuori di quella già operante sul territorio, ha partecipato alla gara, che prevede, come una vera e propria spada di Damocle, la precarietà del  rapporto. Esso, infatti è oggetto di risoluzione immediata, appena entrati in opera gli Ambiti Territoriali Ottimali (ATO) che dovranno gestire, come previsto per legge, il servizio in area vasta.
Con queste aspettative chi si sarebbe avventurato in nuovi investimenti dal futuro incerto?
 
Naturalmente con questo non vogliamo muovere rimostranze alla ditta SARIM, della quale abbiamo già, in altre occasioni, apprezzato le capacità professionali e la qualità del servizio che garantisce alla cittadinanza.
Il nostro disappunto è per questa Amministrazione che si dimostra sempre più inadeguata oltre che non competente.
 
L’ attuale governo locale, tanto attento a stigmatizzare l’operato della passata amministrazione di centro destra, e tronfio degli slogan elettorali , in poco meno di due anni, oltre a non mantenere nessun impegno preso in campagna elettorale, su un argomento considerevole per la nostra comunità, qual è quello dei rifiuti, ha generato circa settemilioni di euro di inefficienza… (l’inefficienza è la tassa più iniqua che il cittadino debba pagare) .
Ora basta , crediamo che sia arrivato il momento che i consiglieri tutti di maggioranza dell’attuale Amministrazione se ne tornino alle proprie case e tolgano il disturbo , evitando così di arrecare ulteriori danni.
 
L’ oscurità di mente e la millanteria individualista non deve in alcun modo creare problemi oltremisura.
Proporrò insieme a tutti i colleghi di minoranza, già invitati a costituire un tavolo permanente di vigilanza un insieme di iniziative per dare battaglia contro questo autoritarismo sempre più presente.

Redazione
Da Redazione dicembre 3, 2015 15:01

Seguici su…