Pubblicazione di foto sui quotidiani, parla il legale

Redazione
Da Redazione giugno 26, 2015 11:38

Pubblicazione di foto sui quotidiani, parla il legale

 

TribunaleRiceviamo e pubblichiamo la lettera dell’avvocato Antonio D’Angelo circa una vicenda accaduta al suo assistito, Aniello Annunziata, guardia giurata.

Il sottoscritto Avv. Antonio D’Angelo del foro del Tribunale di Nocera Inferiore, nella qualità di difensore di fiducia del Sig. Annunziata Aniello, nato a Nocera Inferiore (Sa) il 24.04.1970 e residente in Sarno (Sa) alla Via Indipendenza n. 42, in considerazione ed in dipendenza della fotografia apparsa su un noto quotidiano locale, in data 15.06.2015, esattamente alla pagina 15, che lo ritraeva alle spalle del Sig./Dott. Amato Giuseppe junior,

preme l’obbligo a questo difensore di rendere pubblica una circostanza, per il tramite della redazione di Sarno Notizie, ovvero che il mio assistito già nel lontano 20.06.2013 (data della pubblicazione per la prima volta della fotografia), ha adito le vie legali, sia in sede civile che penale, contro lo stesso quotidiano, per pacifica e palese violazione della privacy, in quanto il quotidiano stesso nel pubblicare la foto non provvide a criptare l’immagine del mio assistito.

Inoltre tale immagine, che vede il mio assistito alle spalle del Sig./Dott. Amato Giuseppe junior, è relativa ad un incontro pubblico tenutosi nel piazzale del vecchio Pastificio Amato, alla presenza di varie e numerose autorità politiche, quali De Luca, Cirielli ect…….., ed il mio assistito si trovava lì da privato cittadino.

La pubblicazione di questa foto, ripeto ripubblicata varie volte dal 20.06.2013 e fino al 15.06.2015, ha nociuto ed ancora nuoce gravemente alla immagine ed al decoro del mio assistito, il quale ricopre la qualifica di “Guardia Giurata”, con un curriculum di esperienze e di interventi da fare invidia, e con una reputazione ed una forte identità integerrima da mantenere.

Il suddetto quotidiano, assolutamente non curante delle recriminazioni tutte  manifestate dal mio assistito, per il mio tramite, ha ritenuto opportuno perpetrare nella pubblicazione della stessa immagine, senza mai provvedere a criptare almeno la parte dove si evidenziava il  volto.

Abbiamo chiesto in sede giudiziale civile il ristoro di tutti i danni patiti, soprattutto morali, in conseguenza della negligenza e della spudoratezza manifestate dal quotidiano in questione.

Tanto  dovevo,  nell’interesse esclusivo del buon nome della Guardia Giurata Sig.  Annunziata Aniello.

Avv. Antonio D’Angelo

 

 

Redazione
Da Redazione giugno 26, 2015 11:38

Seguici su…