Polmone perforato, il pediatra non se ne accorge. Omicidio colposo

Redazione
Da Redazione ottobre 15, 2015 10:33

Polmone perforato, il pediatra non se ne accorge. Omicidio colposo

Aveva intestino e polmone perforati, ma il medico non se ne accorse e lo rimandò a casa. Il giovane morì dopo pochi giorni. Il pediatra è ora indagato per omicidio colposo. Il medico di turno all’ospedale di Sarno lo rimandò a casa diagnosticandogli una epigastralgia. A provocare la morte del 12enne di Palma Campania il 25 giugno 2014, sarebbe stata proprio la diagnosi sbagliata che non ha consentito le giuste cure. Il giovane aveva lamentato dolori addominali ed era stato trasportato dalla famiglia all’ospedale più vicino, il Martiri del Villa Malta. Qui, il pediatra che lo aveva visitato gli aveva diagnosticato una  “epigastralgia” somministrandogli farmaci e rimandandolo a casa. I dolori però si erano fatti più acuti nel giro di poche ore ed il ragazzo era stato quindi trasportato prima all’ospedale di Nola e poi al Santobono di Napoli con un quadro clinico già gravemente compromesso. Morì nel giro di pochi giorni per una “rottura del diaframma con ischemia in atto e contestuale reazione peritonitica”. Risultò una perforazione al polmone ed all’intestino, provocata probabilmente da una caduta dalla bicicletta pochi giorni prima. Il medico pediatra ha 20 giorni dalla notifica dell’avvocato per chiedere un interrogatorio o presentare memorie difensive.

Redazione
Da Redazione ottobre 15, 2015 10:33

Seguici su…

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
Seguici via Email
SHARE