Ospedale da record, per la notte di San Silvestro si teme il collasso

Redazione
Da Redazione dicembre 31, 2015 11:14

Ospedale da record, per la notte di San Silvestro si teme il collasso

Un pronto soccorso da record con oltre 60 mila prestazioni l’anno in un bacino di utenza che copre i comuni del salernitano, del napoletano e del nolano. Un ospedale in posizione strategica, proprio all’uscita dello svincolo autostradale, che è diventato un punto di riferimento, ma che rischia il collasso per l’ampio spettro di attività che superano le possibilità del personale. Troppi utenti e dopo la notte della vigilia di natale con interventi a catena tra 118 e pronto soccorso, per la notte di San Silvestro si teme il collasso. Il “Martiri del Villa Malta” è al limite, sia sul fronte sicurezza che sulla organizzazione e l’allarme scatta per la gestione della notte di Capodanno. A lanciare l’allarme sono proprio gli operatori più volte anche vittime di aggressioni sia verbali che fisiche. “Temiamo per l’incolumità nostra, ma anche dei pazienti. Sono tantissimi gli interventi che cerchiamo di gestire nel migliore dei modi, ma si lavora in un clima di tensione e terrore”.  Un ospedale dove gli ingressi sono spesso difficili da gestire e le aggressioni al personale sono all’ordine del giorno. Le prestazioni sono a catena in un andirivieni senza sosta che mette a dura prova il personale medico, gli infermieri ed anche le guardie giurate addette alla sicurezza ed alla sorveglianza. I passaggi di emergenza al pronto soccorso sforano ogni anno quelli che realmente si possono gestire rispetto alle risorse ospedaliere operanti. Presso il presidio di primo intervento di via Sarno – Striano le entrate arrivano al doppio della reale portata del nosocomio: sono almeno sessantamila le prestazioni annue che a fatica si coordinano. Gli operatori sono preoccupati e temono di perdere il controllo della situazione nella notte di capodanno, dove le richieste di intervento arriveranno a triplicarsi. Servirebbe un potenziamento ad hoc, ma ad oggi nulla sembra sia stato predisposto. Già lo scorso 24 dicembre il caos di interventi. Numerose le richieste per il 118 e per il pronto soccorso.

Redazione
Da Redazione dicembre 31, 2015 11:14

Seguici su…