Ok al Patto Sarno Sicura, ma non ci sono uomini e mezzi

Redazione
Da Redazione aprile 15, 2015 11:46

MinoranzaVotato all’unanimità il documento per far fronte all’emergenza sicurezza, ora si attende il voto sul bilancio di previsione altrimenti non sarà attuabile. L’opposizione invita l’assessore alla sicurezza ad attingere dal fondo di riserva ed a non attendere oltre. E’stato approvato l’atto deliberativo complesso ed articolato, dal “Patto per Sarno Sicura” con una cabina di regia nominata dal Prefetto con all’interno rappresentati delle forze dell’ordine, alla collaborazione interforze, fino al coinvolgimento di associazioni di protezione civile. Però, il piano presenta delle falle. Non sono abbastanza gli uomini ed i mezzi e bisogna trovare le somme per incrementarli, è necessario investire soldi per aumentare il parco macchine e le varie attrezzature per la polizia municipale, si devono reperire fondi per gli ausiliari del traffico a tempo determinato, servono risorse economiche per ampliare il sistema di videosorveglianza. Mancano i fondi per adesso e nel documento contabile dovrà essere previsto un capitolato. “Bisogna canalizzare le risorse. Se l’intenzione dell’amministrazione era di investire in altro, è necessario recepire che l’esigenza principale è il diritto alla sicurezza sul territorio. Nel documento abbiamo dato mandato al sindaco ed alla giunta, quale organo esecutivo, di dare seguito a quanto deliberato in consiglio. Le somme necessarie posso essere apposte nel redigendo bilancio di previsione o attinte dal fondo di riserva ”. Così il capogruppo dell’Udc, Francesco Squillante, già nel corso del consiglio comunale dedicato all’emergenza sicurezza. Un tema caldo dopo l’escalation furti degli ultimi mesi, come ricorda il capogruppo di Forza Italia, Giuseppe Agovino. “Quello della sicurezza è un tema sentito perchè ci sono zone in cui la gente non vive più tranquilla. E’ stato preso un impegno nel corso dell’assise cui bisogna dare seguito appostando i fondi necessari”. Enrico Sirica, esponente di Fratelli d’Italia chiede all’assessore alla sicurezza, Nicola Laudisio, di essere concreto. “Se l’assessore vuole essere concreto ed operativo davvero, ed aiutare la città facendo partire quanto prima il documento approvato in consiglio allora che prenda i soldi dal fondo di riserva direttamente con la Giunta. E’ questa l’operazione urgente da fare adesso”. Intanto, guarda al bilancio l’assessore Laudisio. “Attraverso il bilancio di previsione capiremo se questo consiglio ha davvero a cuore il problema sicurezza”. Sulla videosorveglianza altro punto interrogativo, perché prima ancora di sistemare ulteriori telecamere in punti critici già individuati nelle zone periferiche di Lavorate, Foce ed Episcopio, si dovranno verificare quelle già esistenti, alcune delle quali non funzionati.

Redazione
Da Redazione aprile 15, 2015 11:46

Seguici su…