Minacciata in casa dal marito, la salva il figlio di sei anni

Redazione
Da Redazione marzo 27, 2018 11:23

Minacciata in casa dal marito, la salva il figlio di sei anni

In casa col figlio di 6 anni telefona e minaccia la moglie: “Ora distruggo tutto, poi, quando torni ti ammazzo”. Provvidenziale l’intervento dei carabinieri. L’uomo è stato bloccato dai militari che hanno raccolto la denuncia della donna, in cui si fa riferimento a violenze perpetrate da anni davanti agli occhi dei due figli minorenni. Tanta la paura a San Valentino Torio, dove la scorsa settimana, i carabinieri della locale stazione, chiamati ad intervenire in via Orto, hanno ritrovato seduta a terra una donna, S.F. queste le iniziali, che ha raccontato di una terribile telefonata del marito, L.A., di pochi minuti prima. Parole concitate al telefono ed una minaccia chiara e spaventosa. “Distruggo tutto, poi, ti uccido”.  Il terrore puro per la donna nel pensare al marito, probabilmente in preda ad un impulso di ira, in casa da solo con il figlioletto di appena 6 anni. I militari si sono subito portati presso l’abitazione, in altra zona, e,  una volta all’interno, hanno ritrovato il bambino terrorizzato in un angolo ed il papà in evidente stato di agitazione. Sul pavimento varie suppellettili lanciate e distrutte. Bloccato immediatamente dai carabinieri, L.A, è stato ascoltato in caserma. La moglie ha raccontato delle liti violente e continue con quell’uomo sposato nel 2006.

Un terribile litigio era iniziato già la mattina dello stesso giorno quando la donna era ai fornelli intenta a cucinare. Da quanto denunciato, il marito aveva iniziato ad inveirle contro, pare per motivi economici. Poi, schiaffi ed il tentativo dell’uomo di spingere il volto della moglie nella pentola con l’acqua bollente. Una violenza fermata dall’intervento del figlio. La donna ha anche indicato, come causa del comportamento violento del marito, l’assunzione di sostanze stupefacenti. L’uomo, portato in ospedale per essere sottoposto ad accertamenti tossicologici, è risultato positivo alla cocaina. S. F. ha riferito di violenze e di un tentativo di strozzamento, in presenza dei due figli minori, aggiungendo di non aver mai denunciato per paura. L’uomo, difeso dall’avvocato penalista di Sarno, Emanuele Esposito, ha respinto ogni accusa parlando di liti familiari sempre e solo verbali. E’ stato eseguita ed immediatamente convalidata la misura di allontanamento dal domicilio, divieto di avvinarsi alla casa coniugale.

Redazione
Da Redazione marzo 27, 2018 11:23

Seguici su…