Malori e cittadini al pronto soccorso, esposto in Procura

Redazione
Da Redazione luglio 3, 2018 11:02

Malori e cittadini al pronto soccorso, esposto in Procura

Esalazioni dai canali e cittadini al pronto soccorso, il sindaco presenta esposto in Procura. Per il grave inquinamento ambientale in via Fraina, nella periferia di Lavorate; per gli scarichi abusivi e presunti sversamenti il primo cittadino, Giuseppe Canfora, chiama in causa anche la magistratura. Chiede indagini al fine di fare chiarezza su quanto avviene di notte, quando l’aria diventa nauseabonda ed irrespirabile. Una situazione che ha portato in ospedale decine di cittadini. Hanno dovuto ricorrere alla cure dei sanitari a causa di vomito, mal di testa, sensazioni di soffocamento. Sul caso è stata richiamata l’attenzione anche dei carabinieri del nucleo operativo ecologico. “Dopo la denuncia di alcuni residenti di via Fraina, – dice Canfora – che nella notte tra il 28 e il 29 giugno hanno accusato sintomi di soffocamento, bruciore alla gola, nausea, ho inviato un esposto contro ignoti alla Procura di Nocera Inferiore, ai carabinieri del Noe di Salerno e al comando della polizia municipale di Sarno. Nell’esposto, firmato anche dall’assessore all’ambiente Emilia Esposito e da quello agli affari legali Eutilia Viscardi, ho precisato che alcuni cittadini sono stati costretti a recarsi al pronto soccorso per essere curati, a causa dei forti odori nauseabondi provocati da scarichi inquinanti, ed ho chiesto alle autorità competenti di individuare i responsabili degli sversamenti abusivi, che avvengono soprattutto nelle ore notturne”. E’ da anni che i residenti della zona chiedono controlli di aria ed acqua segnalando condizioni estreme. Sono costretti a restare chiusi in casa, con finestre e porte ben serrate, per evitare che le esalazioni possano procurare dei malori. Come è accaduto pochi giorni fa. Quattro famiglie all’ospedale “Martiri del Villa Malta” per l’intera notte, dieci persone soccorse e trattate per casi di nausea e senso di soffocamento. Le acque sospette finiscono anche nei terreni agricoli che si trovano a pochi passi. 

Redazione
Da Redazione luglio 3, 2018 11:02

Seguici su…