“Lavandare” – Giovanni Pascoli

Redazione
Da Redazione luglio 9, 2015 11:58

“Lavandare” – Giovanni Pascoli

11651163_10205707653143817_25519588_n

Il ricordo dello “sciabordare delle lavandare” di Sarno.

Nel campo mezzo grigio e mezzo nero

resta un aratro senza buoi che pare

dimenticato, tra il vapor leggero.

E cadenzato dalla gora viene

lo sciabordare delle lavandare

con tonfi spessi e lunghe cantilene:

 Il vento soffia e nevica la frasca,

e tu non torni ancora al tuo paese!

quando partisti, come son rimasta!

INTENZIONE COMUNICATIVA In questa poesia mentre il significato primario tratta di una grigia giornata delle lavandaie, che attendono il ritorno dell’uomo amato, il significato secondario allude all’incompletezza, all’infelicità dell’essere soli e all’impossibilità di rimanere tali (tutti hanno bisogno di una persona vicina). Lo scenario è la campagna autunnale con i suoi tristi colori e con gli echi della fatica umana: su tale scenario il poeta proietta il suo stato d’animo, smarrito e malinconico. Gli oggetti quotidiani si caricano di significati particolari: l’immagine dell’aratro in mezzo al campo,immagine con cui si apre e si chiude la lirica,diviene SIMBOLO di abbandono e di tristezza. C’è nella poesia un senso di desolazione con cui il poeta esprime la pena del proprio cuore. PROBLEMATICHE AFFRONTATE Possiamo dire che Pascoli in questa poesia affronta la problematica della solitudine e della speranza nell’attesa del ritorno di persone care, la cui attesa non è altro che una sofferenza.

 

Redazione
Da Redazione luglio 9, 2015 11:58

Seguici su…