Brevi Cronaca Primo Piano Senza categoria

Incendio divora due capannoni. L’ipotesi: una pizza bruciata sul rullo

Due capannoni distrutti, attrezzature ridotte in cenere ed un giovane operaio ferito. E’ il bilancio del vasto incendio che ieri mattina ha investito due aziende. Si lavora per accertare le cause e l’ipotesi, avanzata nelle prime ore, è che all’origine vi sia, probabilmente, una pizza bruciata finita dal forno al rullo trasportatore. Il rogo si è sviluppato ieri mattina intorno alle 7 nell’azienda La Casina, in via Diaz, che produce, confeziona ed esporta pizze e saltimbocca. Forse ad innescare l’incendio proprio un prodotto appena uscito dal forno con un margine bruciato mandato sul cilindro del macchinario, almeno secondo i primi rilievi ed i racconti degli operai che si trovavano all’interno dell’azienda. Momenti di panico per i lavoratori che avevano appena iniziato la produzione giornaliera. Le fiamme hanno subito sbarrato il portone principale, ma tutti sono riusciti a scappare ed a mettersi in salvo. Le lingue di fuoco hanno avvolto in pochi minuti l’intero stabilimento propagandosi velocemente ed investendo in pieno anche i locali di un’altra azienda a pochi metri, la Frigenti srl autocarrozzeria industriale. Distrutti entrambi i capannoni, divorate le attrezzature. All’azienda Frigenti sono rimasti intatti, fortunatamente, i mezzi. Minacciate anche le abitazioni limitrofe e terrore tra i residenti che sono scesi in strada. Aria irrespirabile ed una grossa colonna di fumo nero che si è levata dal rogo, visibile anche nei comuni confinanti. Sul posto è immediatamente giunta un’ambulanza del 118 di Sarno. Medici ed infermieri hanno medicato un giovane dipendente che aveva riportato una ustione di primo grado al braccio destro. Hanno lavorato per ore i vigili del fuoco, prima per circoscrivere il rogo perché non si propagasse verso le abitazioni e, poi, per lo spegnimento all’interno dei due capannoni. Sul posto anche la polizia di stato per i rilievi ed i vigili urbani che hanno provveduto a transennare l’intera area.

Articoli correlati

“Caccia…all’immagine”: concorso fotografico e la natura protagonista. Ecco come partecipare

Redazione

Vigili ed Ausiliari: ecco gli idonei e i non idonei dopo la prova scritta

Redazione

Fucili e pistole in casa: 46enne di Sarno nei guai

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy