In arrivo 300 migranti nell’agro. Summit per organizzare l’accoglienza

Redazione
Da Redazione giugno 9, 2016 16:21

In arrivo 300 migranti nell’agro. Summit per organizzare l’accoglienza

Saranno trecento i migranti che arriveranno nelle prossime settimane nell’Agro nocerino sarnese. Nei giorni scorsi la Prefettura di Salerno ha convocato i comuni capofila dei tre sub-ambiti del Piano di Zona S1 (Scafati, Nocera Inferiore e Pagani) e ha comunicato che dovranno organizzarsi per accogliere i migranti sbarcati di recente o che sbarcheranno a Salerno, in collaborazione con gli altri comuni.

La macchina organizzativa è già in moto: ogni ambito dovrà accogliere circa cento migranti anche se il numero potrebbe variare di qualche unità ma il problema principale, in questa prima fase, è reperire le strutture disponibili. In questi giorni i sindaci stanno cercando di individuare, ognuno nel proprio comune, la soluzione migliore, che sarà poi condivisa con gli altri colleghi.

Nell’ambito in cui il comune capofila è Nocera Inferiore, l’incontro fra i primi cittadini, o loro delegati, ci sarà lunedì prossimo e ci si confronterà sulle soluzioni trovate dagli altri comuni (Nocera Superiore, Roccapiemonte e Castel San Giorgio).

«Noi stiamo pensando ai beni confiscati alla camorra, anche se in questo momento è prematuro. Dobbiamo fare i sopralluoghi anche con la polizia locale ha affermato l’assessore alle politiche sociali di Nocera Inferiore, Saverio D’Alessio poi valuteremo. L’obiettivo è evitare di mettere i migranti insieme, distribuendoli invece in maniera omogenea sul territorio».

Sarebbe già stato individuato un immobile in via Astuti anche se è la fase-due, quella dell’integrazione, a preoccupare di più D’Alessio «perché – riflette – si dovrà cercare di dare anche risposte ai cittadini in termini di sicurezza». Quel che è certo è che i comuni non possono tirarsi indietro, anche perché «ne va della credibilità del Piano di Zona», ha spiegato il sindaco di Pagani, Salvatore Bottone. Come comune capofila dell’ambito S1-03, Palazzo San Carlo ospiterà un coordinamento con i sindaci di San Valentino Torio, Sarno e San Marzano sul Sarno nella giornata di domani.

In quella sede saranno valutate le opzioni, anche se scarseggiano le strutture, dove poter ospitare i migranti. «Ho già coinvolto la forania e la diocesi, affinché possano dare il loro contributo dichiara Bottone ma non escludo che dopo questo incontro possa avvalermi anche della collaborazione delle associazioni presenti sul territorio, perché questa è una cosa che dobbiamo necessariamente mettere in campo, in quanto non possiamo sottrarci a quanto chiesto dal prefetto».

Il comune di Pagani starebbe già lavorando su più opzioni, che al momento, però, sono top secret. Danilo Sorrentino

Redazione
Da Redazione giugno 9, 2016 16:21

Seguici su…