I nuovi ausiliari della sosta? Uscieri e centralinisti!

Redazione
Da Redazione febbraio 12, 2014 13:15

L’amministrazione prova a trasformare i dipendenti comunali in ausiliari della sosta. Ora i vigilini si cercano tra le mura del palazzo: gli impiegati ricadenti nella categoria B, degli impieghi di pubblica amministrazione, potrebbero finire in strada con in mano il taccuino delle sanzioni disciplinari. Sono gli ex collaboratori amministrativi, quindi i messi comunali, i centralinisti, gli operai specializzati, gli uscieri a poter essere utilizzati come supporto ai vigili urbani nella supervisione degli stalli blu. Si tenta di tamponare l’emergenza della sosta selvaggia dopo la prematura uscita di scena della Multyservices, la ditta di Palma Campania che attraverso un bando pubblico si era aggiudicata la gestione del piano parcheggi, partito lo scorso 1 giugno. La società ha lasciato, mettendo nero su bianco le inadempienza, a suo dire, dell’amministrazione comunale e dell’ente, che non avrebbero ottemperato alla stipula del contratto entro i 60 giorni previsti dalla legge.

Erano 15 gli ausiliari della coop, pubblici ufficiali a tutti gli effetti con poteri di accertamento di violazioni delle norme sulla sosta, ed ora ne servirebbero altrettanti da affiancare ai caschi bianchi e far fronte alla penuria di unità di polizia municipale. E’ stata già attivata  una procedura interna all’ente per individuare il numero di dipendenti ricadenti nella categoria B, da utilizzare come ausiliari del traffico. Dovranno ora essere i responsabili dei vari settori del comune a concedere il nulla osta e quando sarà formalizzato l’elenco dei soggetti nominabili, questi ultimi saranno dotati di tutto il necessario ed istruiti dal comandante dei vigili urbani, Vincenzo Mari.

 

Redazione
Da Redazione febbraio 12, 2014 13:15

Seguici su…