Giovane mamma trovata morta: il medico legale ha chiarito le cause del decesso 

Redazione
Da Redazione gennaio 16, 2017 18:25

Giovane mamma trovata morta: il medico legale ha chiarito le cause del decesso 

Un infarto ha troncato la vita della giovane che stava per diventare mamma per la terza volta. È  morta così, per un arresto cardiocircolatorio, la 36enne incinta, al terzo mese di gravidanza, trovata senza vita nella sua abitazione sabato scorso. A stabilire le cause del decesso di Giovanna Origino, originaria di Napoli, ma da anni residente a Sarno, è stato il medico legale Raffaele Pepe, che ha eseguito gli esami nella mattinata di ieri e non si è reso necessario l’esame autoptico. Analizzate anche le cartelle cliniche che le forze dell’ordine avevamo trovato e sequestrato nella abitazione che la donna divideva col compagno. Una serie di documenti riportanti delle patologie sotto controllo da tempo, con esami periodici e cure effettuate da  specialisti. La salma è stata liberata e già nella giornata di oggi dovrebbero essere celebrati i funerali. La giovane donna, che aveva abbandonato tutto a Napoli per venire a Sarno, lascia due bambini piccoli ed il compagno di origini marocchine che al momento dell’accaduto non era a casa. L’ uomo, infatti, si trova in Marocco dai suoi familiari e solo oggi giungerà in Italia. Una tragica morte improvvisa che ha scioccato la comunità dove la notizia si è diffusa in pochi minuti. La 36enne era stata ritrovata senza vita sabato pomeriggio nella sua casa al piano terra di Masseria Nfierno, un centro molto popoloso della zona rurale di Sant’Alfredo. Ad allertare le forze dell’ordine, intorno alle 15:30 erano stati i vicini che da qualche giorno non la vedevano uscire di casa, mentre le imposte continuavano a restare chiuse. Preoccuparti, avevano prima tentato di contattare i familiari, ma non riuscendo a rintracciarli, avevano richiesto l’intervento dei vigili urbani. Sul posto immediato l’arrivo degli uomini della polizia municipale, i luogotenenti Giosuè Squillante ed Alfonso Bisanzio, che insieme ai vigili del fuoco aveva sfondato la porta di ingresso della casa rinvenendo Giovanna nel suo letto, ancora sotto le coperte, ormai senza vita. Sul posto anche un’ambulanza del 118. Medici e paramedici però non avevano potuto fare altro che constatare il decesso. 

Redazione
Da Redazione gennaio 16, 2017 18:25

Seguici su…