Fiume Sarno: una mostra e la sfida dei prossimi anni

Redazione
Da Redazione ottobre 12, 2018 10:45

Fiume Sarno: una mostra e la sfida dei prossimi anni

Futuro del fiume Sarno: l’ Ente Parco apre un tavolo istituzionale completo con governo, regione, enti locali ed aziende. Gli obiettivi sono ambiziosi e sulle sorti del fiume anche il ministro dell’ ambiente, Sergio Costa. Raggiungere uno stato ecologico buono delle acque entro il 2020, ridurre le cementificazioni, rinaturalizzare. Questa la sfida dei prossimi anni. Le linee sono state tracciate ieri, l’ occasione è stata la mostra del primo concorso fotografico «Caccia all’ immagine»,iniziativa dell’ Ente Parco del Bacino Idrografico del Fiume Sarno.

Il presidente, Antonio Crescenzo

L’ OBIETTIVO

Il presidente, Antonio Crescenzo, attraverso la rappresentazione del «bello», è riuscito a mettere insieme le istituzioni di ogni livello. Presenti tra gli altri, le senatrici Virginia La Mura e Luisa Angrisani; l’ assessore al turismo della Regione Campania, Corrado Matera; il sindaco di Sarno e presidente della Provincia di Salerno, Giuseppe Canfora, i sindaci dei comuni dell’ Ente Parco tra le province di Napoli e Salerno e Mario Rosario D’ Angelo commissario del Consorzio di Bonifica. «Abbiamo sortito l’ effetto che volevamo così il presidente Crescenzo – raggiungendo l’ obiettivo di un confronto tra tutte le parti. La mostra ed il concorso fotografico, con la partecipazione dei cittadini, sono stati lo spunto per parlare di ambiente e come agire. Le criticità ci sono, voglio vedere un parco, non sottacendo l’ inquinamento, anche da un punto di vista di potenzialità. Sono convinto che lavorando tutti insieme nella stessa direzione si potranno compiere seri passi avanti. Io farò la mia parte. Inizieremo dalle sorgenti fino ad arrivare a Rovigliano, e mi auguro che tutti i 24 chilometri possano essere recuperati». «Il Sarno ha avuto un percorso di 40 anni di inquinamento ha detto la senatrice La Mura – ed oggi dobbiamo metterci insieme per salvarlo e riportarlo alla sua naturalità. Il ministro Costa si è impegnato a dare una mano alle istituzioni regionali affinchè si possa raggiungere l’ obiettivo di buona qualità ecologica entro il 2020»

VIDEO E INTERVISTE

Redazione
Da Redazione ottobre 12, 2018 10:45

Seguici su…