Ente Parco ed Università, una sinergia che piace agli studenti

Redazione
Da Redazione novembre 11, 2015 20:47

Ente Parco ed Università, una sinergia che piace agli studenti

Ente Parco ed Università, una sinergia che piace agli studenti

Ente Parco del Fiume Sarno tra sopralluoghi per interventi di riqualificazione ambientale e protocolli di intesa con le università per ricerche scientifiche sui luoghi. Una bella collaborazione con le università per studenti, per tesi, ricerca e censimenti. Una intuizione del presidente Massimiliano Mercede, che da tempo ha avviato un percorso condiviso fatto di sopralluoghi, visite, indagini e controlli sull’intero territorio. Ben 12 comuni che ricadono sotto la supervisione dell’Ente Parco. Ciascuna zona, infatti, viene sottoposta ad un particolare regime di tutela in relazione ai valori naturalistici, ecologici, geomorfologici ed ambientali delle rispettive aree. Ed ancora nei giorni scorsi, Mercede ha effettuato un nuovo sopralluogo sulle sorgenti di Rio Palazzo, Rio Foce , Rio Santa Marina, l’area di Longola e la foce del fiume a Castellammare di Stabia. Ed ancora il monte Saro, gli altopiani il monte Saretto ed i vari sentieri. Le perlustrazioni sono servite a valutare ed avviare attività di progettazione per habitat ed interventi di riqualificazione ambientale in collaborazione con la facoltà di biologia dell’università Federico II di Napoli. A spiegarne la valenza è il numero uno dell’Ente. “Questa sinergia- sottolinea Mercede- apre le porte dell’Ente Parco agli studenti per approfondire gli studi sulla biodiversità animale e vegetale. Questo è solo uno dei passi che si stanno compiendo per far conoscere e rivalutare il parco, comprendere l’esigenza di salvaguardare le risorse naturali compiendo interventi che siano ad impatto zero. Stiamo avviando collaborazioni per dare l’input a studi scientifici e consentire agli studenti anche attività di tirocinio”

Redazione
Da Redazione novembre 11, 2015 20:47

Seguici su…