Differenziare e tutelare il territorio: premiate le scuole di Sarno

Redazione
Da Redazione aprile 16, 2018 10:12

Differenziare e tutelare il territorio: premiate le scuole di Sarno

Educazione ambientale, differenziata e tutela dell’ambiente, premiate le scuole. “I cattivi distruggono il paese e chi paga le conseguenze siamo noi”. Così i piccoli alunni alla manifestazione che si è svolta ieri mattina in piazza “5 Maggio” a Sarno per la premiazione del progetto “C’era una volta Alfredino”, che ha coinvolto tutte le scuole primarie di primo grado della città.

Presenti all’evento il sindaco Giuseppe Canfora, l’assessore al ciclo integrato dei rifiuti, Michele Ruggiero e l’assessore ai trasporti e alla protezione aziendale comunale Eutilia Viscardi. A partecipare anche i delegati della Sarim, l’azienda responsabile della gestione dei rifiuti, Silvio Petrone e Giuseppe Raia.

La parola è subito passata all’assessore Ruggiero, il quale ha ringraziato i bambini e la loro straordinaria partecipazione; ed ancora Giuseppe Raia che ha affiancato l’assessore in questi due mesi di collaborazione.

Silvio Petrone ha spiegato che “proprio per l’entusiasmo e la grande fantasia mostrata dai bambini è stato molto difficile scegliere i vincitori”. In ogni caso quest’esperienza è stata straordinaria oltre che per la qualità delle opere presentate, anche per il messaggio che è stato trasmesso e che gli alunni di tutte le scuole sarnesi hanno recepito.

Il sindaco Giuseppe Canfora ha ringraziato l’assessore Ruggiero e la Sarim, e le parole più belle sono state spese a favore dei bambini che hanno stupito tutti con la loro sensibilità, che si è tradotta in opere dal profondo valore culturale. “In questa splendida giornata di festa- ha sottolineato Canfora – è bene ricordare che i bambini sono il ponte tra il passato ed il futuro, ed è per questo che bisogna sensibilizzarli affinché possano comprendere l’importanza di un gesto che può sembrare scontato, ma invece racchiude le basi della sensibilità e della civiltà. In una città candidata ad essere città verde e si affaccia all’energia ecosostenibile, è bene ricordare che la città di Sarno è stata premiata proprio per meriti ecologici dall’associazione Legambiente, e si appresta a diventare uno dei Comuni più ‘ricicloni’ della Regione se non d’Italia. Non dimentichiamo che appena 4 anni fa la percentuale di riciclaggio era pari a circa il 30%, mentre oggi siamo arrivati quasi ad 80 punti percentuali”.

Si è, poi, passati alle premiazioni. L’assessore alla pubblica istruzione, Vincenzo Salerno, ha premiato la 1’E del plesso di Laudisio, accompagnati sul palco dalla maestra Roberta, e alla domanda “Chi è pr voi Alfredino?”, la classe ha risposto teneramente: “Un supereroe che ci ha insegnato a riciclare”. La 2’A del plesso di Borgo, accompagnata dalla maestra Lucia, ha vinto il premio per le seconde classi, mentre per le terze, la soddisfazione è stata tutta per la 3’E del plesso “De Amicis-Baccelli”, accompagnati dalla maestra Tania e premiati dall’assessore Eutilia Viscardi.

La classe 4′ del plesso di Foce è quella che si è aggiudicata il primo premio della categoria, ed ha presentato un tema, dove Pierino lo spazzino insegna ad una bambina in particolare, di nome Rosa, a riciclare. Rosa da grande diventa una maestra, e può così mettere a frutto ciò che gli è stato insegnato per rendere il mondo un posto migliore. I bambini sono stati accompagnati dalle maestre Anna ed Antonella che hanno ringraziato la Sarim per aver offerto questa possibilità di crescita e sensibilizzazione dei bambini.

L’ultima classe vincitrice è stata la 5’C del plesso “De Amicis-Baccelli”. Accompagnati sul palco dalla maestra Maria Teresa, i bambini hanno presentato il loro tema sulla Terra dei Fuochi vista come la distruzione globale degli elementi della Terra.

Le dichiarazioni dei bambini sono state molto chiare su questo tema: “I cattivi distruggono il Paese e chi paga le conseguenze siamo noi”.

E’ proprio sulla scia di queste parole che si aggancia l’assessore Ruggiero per svelare il premio ricevuto, una gita alla fattoria didattica “Alpega”, ed esortare i bambini a non accontentarsi ed abituarsi al brutto, ma di pretendere il bello dalla vita.

Si è conclusa con queste parole la fantastica esperienza dei bambini nel mondo del supereroe Alfredino.

a cura di Carmela Landino

Redazione
Da Redazione aprile 16, 2018 10:12

Seguici su…