Brevi Primo Piano

“Difenderemo il divertimento”. I militari dell’Esercito a Napoli..

I militari dell’Esercito entreranno in azione da stasera. Saranno a presidio della zona dei baretti di Chiaia, in pattuglie miste con polizia e carabinieri per tutto il fine settimana, dalle 18 alle 4 del mattino: «Siamo pronti a dare il nostro contributo alla serenità e al divertimento dei napoletani», sorridono durante la perlustrazione del territorio alla vigilia dell’esordio di una missione completamente diversa rispetto a quelle abituali per un militare.

Chiaia si appresta a vivere la prima notte sotto la sorveglianza dell’Esercito. Il sindaco De Magistris spiega che «non si tratta della militarizzazione della città e chi pensa questo non ha capito nulla». Precisa pure, il primo cittadino, che la decisione è scaturita «da una richiesta del questore di Napoli al Prefetto per un utilizzo diverso delle pattuglie di Strade Sicure. Perché De Iesu – spiega il sindaco riportando il pensiero del questore – dice che i militari non danno soddisfacenti risultati se stanno fermi a Ponticelli o alla Sanità o altrove, ma è meglio se vanno per strada unitamente alle forze dell’ordine».

I militari, però, non pensano alle parole e alle dichiarazioni ufficiali: hanno una missione da espletare e lo fanno, come sempre, cercando di farsi trovare pronti. La perlustrazione nel quadrilatero dei baretti dura poco, serve ad avere la certezza che lì dentro i grossi mezzi di «Strade Sicure» non possono avventurarsi. Serve pure a stabilire che durante il servizio appiedato in quell’area, quando sarà colma di giovani, i militari non porteranno il grosso e ingombrante fucile ma saranno armati della sola pistola, e probabilmente eviteranno anche di portare la maschera antigas che è utile durante i servizi antiterrorismo ma non servirebbe fra i ragazzi della movida.

Ma cosa faranno i militari dell’Esercito durante i servizi di presidio del territorio? «Cercheremo di essere una presenza discreta ma saremo sempre pronti a intervenire – spiega il tenente colonnello Gennaro Troise, voce ufficiale di Strade Sicure a Napoli – riceviamo un addestramento specifico per muoverci in ambito urbano e sappiamo esattamente come e quando muoverci. Per piacere, però, non diffondete l’idea che la nostra presenza trasformerà in un far west queste strade di divertimento: non sarà così, noi interverremo solo se ce ne sarà necessità e ci auguriamo che non ce ne sia mai bisogno».

Il servizio nella zona della Movida prevede anche il presidio del lungomare che, però, è già attivo da diverse settimane. È partito in concomitanza con le ferie pasquali, proseguito con il ponte del 25 aprile e resterà attivo fino a quello del primo maggio: si tratta della consueta e rassicurante presenza fissa sul territorio. Fonte: Il Mattino In foto un presidio militare a Piazza Calenda, Forcella. (NewFotoSud – Alessandro Pone)

 

Articoli correlati

Ambulante fugge dai controlli e travolge un uomo che ora rischia la vita

Redazione

Sindaco replica alla Pol. Sarnese: “Origo cerca alibi per disimpegnarsi”

Redazione

Finti operai Enel narcotizzano una anziana e la derubano

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy