Da Massimo la pizza cambia colore ed il sapore è sublime

Redazione
Da Redazione maggio 15, 2015 12:08

Pizza Massimo Ha aggiunto una novità, un ingrediente che ha reso la sua pizza delicata, ne ha esaltato il profumo, il sapore. L’arte di impastare, raffinata e fatta di dedizione, da “Massimo Pizza” ha ora un tocco in più. E’ il carbone vegetale che ha reso le sue pizze nere e nello stesso tempo ne ha sublimato il gusto. Massimo Esposito sta sperimentando il carbone vegetale nell’impasto, con grande curiosità dei clienti che ormai non chiedono altro. Tutti pazzi per la pizza nera, dalla classica margherita alla più ricercata con favette e pecorino.

 

Appetitosa, piacevole al palato, curiosa per gli occhi. E con la pizza nera il gusto incontra il benessere.Un ingrediente che sta prendendo piede nell’ultimo anno e che sta spopolando tra i buongustai. E’ cresciuta in maniera esponenziale la domanda di pizza al carbone vegetale scelta dai consumatori per il sapore raffinato, l’aspetto quasi zen ed il naturale benessere che comporta l’ingrediente in più negli impasti. Le pizze scure da Massimo Pizza vengono sfornate di continuo. Il colore è legato all’utilizzo di farine di origine legnosa, di carbone vegetale particolarmente apprezzato perché rende il prodotto più digeribile, perché utile a tenere sotto controllo il colesterolo e perché aiuta a regolare il transito intestinale.

 

Il carbone vegetale nell’impasto, infatti, trattiene i gas che si sviluppano dalla fermentazione durante la digestione, limitando i gonfiori soprattutto nei soggetti che soffrono di intolleranza al glutine. Le proprietà del carbone vegetale. Ecco perché fa così bene “Il carbone vegetale attivato” viene utilizzato come integratore efficace nel trattamento di disturbi intestinali quali, meteorismo, flatulenza, aerofagia, gonfiore addominale, dispepsia, gastrite, reflusso e acidità di stomaco, diarrea e stitichezza, colite nervosa, intossicazione. Queste proprietà derivano dal fatto che il carbone vegetale attivato, una volta ingerito, transitando nel tratto gastro-intestinale svolge un "effetto trappola" imprigionando ioni e molecole idrosolubili e gas intestinali, aria presente a livello dello stomaco e in parte dell`intestino.

Oltre al sorprendente effetto scenico, il carbone vegetale:

• assorbe i gas intestinali risolvendo il meteorismo;

• allevia quella spiacevole sensazione di ripienezza e gonfiore che molti di noi avvertono subito dopo aver mangiato prodotti lievitati;

• aiuta a regolarizzare il transito intestinale migliorando la stitichezza;

• contribuisce a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue;

• contribuisce a ridurre l’indice glicemico del pasto; • contribuisce ad aumentare il senso di sazietà.

Redazione
Da Redazione maggio 15, 2015 12:08

Seguici su…