Continuato i furti a Lavorate. Ladro si lancia dalla finestra per scappare

Redazione
Da Redazione marzo 10, 2015 09:12

Entra in casa e scopre il ladro in camera da letto che, per scappare, si lancia dalla finestra al primo piano uscendone illeso. In pieno giorno, su una strada trafficata. E’ successo ancora a Lavorate, dove non si riesce ad arrestare l’escalation di furti in appartamenti e villette. Nella mattinata di venerdì, M.S. 65 anni, appena rientrata in casa dopo alcune commissioni, ha sentito dei rumori provenire dalla camera la letto. La donna, avvicinatasi alla porta socchiusa, ha visto all’interno un uomo a volto scoperto frugare nell’armadio. Di istinto la 65enne ha spalancato la porta e l’uomo, colto in flagranza, in pochi secondi si è lanciato dalla finestra che affaccia sul retro. Un volo di quasi quattro metri finito sull’aiuola, dal quale il malvivente ne è uscito illeso. Rialzatosi, si è dato alla fuga.  Prima attraversando la strada principale e, poi, fuggendo per i terreni adiacenti. Magro bottino, perché il topo d’appartamento è riuscito a portare via solo alcuni contanti riposti in un cassetto. Ancora una volta nel mirino dei ladri ci è finita la periferia che nelle ultime settimane è stata bersagliata da atti vandalici, furti di auto e in appartamento. I residenti lanciano l’allarme chiedendo a gran voce più controlli delle forze dell’ordine. Proprio mentre si consumava l’ennesimo furto, in Prefettura si svolgeva una riunione tecnica di coordinamento dei responsabili provinciali delle forze di polizia, con la presenza per Sarno dell’assessore alla polizia municipale, Nicola Laudisio. Nel corso del summit sono state messe sul tavolo tutte le problematiche legate alla sicurezza. In particolare, Laudisio ha spiegato quanto sia “particolarmente critica e preoccupante la situazione dell’ordine pubblico a causa dei continui atti di vandalismo, i furti nelle abitazioni nelle zone periferiche, gli episodi criminosi di estorsione, il fenomeno sempre più dilagante di abusivismo commerciale ed edilizio”.

Rossella Liguori

Redazione
Da Redazione marzo 10, 2015 09:12

Seguici su…