Chiuso l’inferno di Sarno: salvi gli ultimi cani prigionieri

Redazione
Da Redazione settembre 23, 2015 11:39

Chiuso l’inferno di Sarno: salvi gli ultimi cani prigionieri

Viaggio all’inferno….con ritorno. Quell’incubo chiamato Sarno è finito. Anche l’ultimo gruppo di povere anime ancora prigioniere del canile degli orrori è stato trasferito.

Dopo il blitz del deputato Cinque Stelle, Paolo Bernini, che insieme all’Eital e ai Carabinieri ha svelato l’esistenza di quel pezzo di mondo dimenticato da Dio e dagli uomini, sono iniziati mesi di lunghe battaglie a colpi di proteste e carta bollata.

Ora finalmente la vittoria. Chiuso. Per sempre.
Grazie alla passione e all’impegno di tantissimi volontari animalisti che si sono impegnati in prima linea. Che non hanno mai mollato. Che ci hanno creduto. Che si sono fatti in quattro per cercare di tirar fuori tanti poveri sventurati. Per dargli una chance di vita vera.
Grazie anche alla gente comune, a voi lettori del Mattino che avete saputo indignarvi e condividere attimo per attimo l’evoluzione di questa triste storia.

Resta però il dolore per il tributo di vite davvero altissimo. Gioiamo sapendo che Sole, Minnie, Giada, Nerina, Giulio, Nituna e altri ancora sono felici nelle loro nuove famiglie. Ma tanti, troppi che nemmeno avevano un nome, hanno conosciuto solo crudeltà e sofferenza. E hanno lasciato quell’inferno dentro un sacco nero.

Chi scrive dedica questa vittoria al piccolo Pisolo: 13 anni di non vita nel lager. Fino a quel giorno in cui
i nostri occhi si incrociarono. E decisi di adottarti. Ma era troppo tardi: eri – come la maggior parte dei tuoi compagni di sventura – gravemente ammalato, nel corpo e nell’anima. Dieci giorni di amore. Solo dieci giorni. Il Mattino.it

Redazione
Da Redazione settembre 23, 2015 11:39

Seguici su…