Allerta terrorismo, l’Esercito a Salerno

Redazione
Da Redazione marzo 19, 2015 10:50

Curia blindata, parte dalla sede vescovile il piano antiterrorismo. Il ministero della Difesa ha destinato a Salerno trenta soldati dell’esercito che dal 16 marzo stanno «vegliando» gli obiettivi sensibili individuati dal questore Alfredo Anzalone. Ventisette di questi sono già in strada, in pattuglie da due o tre militari, rigorosamente armati e a bordo di fuoristrada, altri tre sono impegnati nelle operazioni di coordinamento in ufficio. Per il momento sono tutti in servizio presso le Guide di Salerno. I militari, di fatto assegnati alla prefettura in quanto ufficio territoriale di Governo, dipendono dall’organo preposto all’ordine pubblico sul territorio: la polizia di Stato. Presidieranno, abbiamo già detto, quelli che sono gli obiettivi sensibili individuati dal questore: oltre alla curia, le redazioni dei giornali, il porto, l’aeroporto, la stazione ferroviaria, le scuole, gli uffici giudiziari e politici, le chiese, i luoghi di ritrovo di islamici.

Le pattuglie, dislocate su tutta la città, non sono a postazione fissa ma mobile con possibilità di sposta- mento immediato a seconda delle esigenze grazie anche al coordinamento dei tre militari in ufficio. Secondo quanto stabilito dal ministero, resteranno in servizio in città fino al 30 giugno con prestazioni che vanno da lunedì al sabato. Il loro compito, al momento, è soltanto quello di «tutelare» gli obiettivi sensibili. Ma ben presto sarà data esecuzione anche all’ufficio di controllo islamico così come fu annunciato, nel corso di una seduta del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica tenutosi a gennaio a Salerno, dal sottosegretario, con delega ai servizi segreti, Marco Minniti. Mentre sono già attivi i controlli su quelle cellule islamiche che operano via web e che al momento non avrebbero ancora fornito indicazioni preoccupanti, o degne di nota, sul territorio salernitano. Il Mattino

Redazione
Da Redazione marzo 19, 2015 10:50

Seguici su…